Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Le competenze di base degli adulti


Illetteratismo

Si indica con il termine "illetteratismo" la condizione degli adulti che padroneggiano in modo insufficiente le competenze di lettura, di scrittura e di calcolo, tali da compromettere lo svolgimento di compiti richiesti dalla vita quotidiana, personale, sociale e professionale.
Le indagini svolte a livello internazionale e nazionale, indicano come in Svizzera, e pure in Ticino, questo fenomeno sia presente con importanti conseguenze economiche, sul piano dell'integrazione sociale, professionale, e nella gestione della vita di tutti i giorni come ad esempio compilare un formulario, sottoscrivere un contratto, partecipare attivamente alla vita della comunità, accedere a una formazione, ecc.
L'illetteratismo si distingue dall'analfabetismo in quanto quest'ultimo riguarda le persone che non sono mai state scolarizzate e che non hanno pertanto avuto la possibilità di imparare a leggere, a scrivere e a fare calcoli.

Il Cantone

Il Cantone Ticino nel 2011 ha aderito al progetto nazionale GO, promosso dalla Federazione svizzera per la formazione continua - FSEA e dalla Conferenza intercantonale della formazione continua - CIFC, costituendo un Gruppo di lavoro interdipartimentale che ha indicato una serie di misure atte a mitigare questo fenomeno e a sensibilizzare chi potenzialmente è in contatto con persone che presentano le difficoltà descritte, per promuovere azioni di prevenzione.
Le Linee direttive 2012 - 2015 del Consiglio di Stato indicano nella lotta all'illetteratismo, un obiettivo importante, con il conseguente impegno di promuovere le competenze di base presso i diversi pubblici toccati, siano essi di origine straniera, sia svizzeri.

Chi sono le persone che presentano queste caratteristiche?

Ci sono alcuni fattori che possono determinare una situazione di difficoltà nelle competenze di base:

  • il passato migratorio con la necessità di apprendere la lingua del posto;
  • un basso livello di qualificazione (o addirittura assenza di qualifiche);
  • un basso livello di qualificazione dei genitori (provenienza sociale);
  • un'occupazione professionale ripetitiva, che non richiede di aggiornarsi e di utilizzare le capacità di lettura, scrittura e calcolo;
  • l'avanzare dell'età, con la mancanza di esercizio e i relativi processi di dimenticanza.

Spesso le persone toccate provano un senso di vergogna, di inadeguatezza, evitano di trovarsi in situazioni dove è loro richiesto di utilizzare queste competenze, oppure non hanno piena consapevolezza dello svantaggio che queste difficoltà possono produrre sul posto di lavoro e nella vita personale.