Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Organizzazione e funzionamento

La Legge organica comunale (LOC)

Il comune politico rappresenta un pilastro fondamentale del sistema sociale e politico della Svizzera e beneficia di un campo d'azione relativamente esteso e di una certa autonomia finanziaria.

La Legge organica comunale (LOC) è da sempre la "legge quadro" di riferimento per il funzionamento del comune ticinese: ne deriva l'esigenza di mantenerla attuale, aggiornata alla realtà e alle necessità di una gestione comunale che negli ultimi decenni è mutata in modo sostanziale, sia per la normale evoluzione della società civile, sia a seguito dell'affermarsi del discorso aggregativo.

I quartieri e le frazioni

I comuni dispongono di una serie di possibili strumenti per promuovere la partecipazione e il coinvolgimento della propria cittadinanza a scala di quartiere o frazione. 

Diversi comuni ticinesi, in particolare nati da aggregazione, hanno istituito degli organi di consultazione e partecipazione a livello di quartiere o di frazione, se del caso accompagnati da un supporto amministrativo.

Il sistema di qualità

L'attività del comune moderno è diventata sempre più impegnativa e complessa a seguito del costante aumento dei compiti, della densità e specificità delle norme legali e delle aspettative dei cittadini. Per supportare i comuni confrontati a questa evoluzione, la Sezione degli enti, in collaborazione con il Team Qualità della Divisione della formazione professionale (DECS), il Controllo cantonale delle finanze e altri servizi dell'amministrazione, ha elaborato il manuale "La gestione della qualità nel Comune ticinese". 

L'obiettivo è mettere a disposizione dei comuni uno strumento che consenta il miglioramento continuo delle metodologie di lavoro per rendere le amministrazioni comunali più efficienti, trasparenti e snelle, con importanti ricadute sulla qualità dei servizi erogati.

Le procedure tipo

Una serie di decisioni comunali, quali ad esempio l'adozione di regolamenti o l'apertura di investimenti, vanno ratificate per il tramite della Sezione degli enti locali.