Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Altre procedure di naturalizzazione agevolata a livello federale


Art. 28 LCit

Riguarda il coniuge straniero, domiciliato all'estero, di un cittadino svizzero, che vive dal almeno sei anni in unione coniugale e ha stretti vincoli con la Svizzera. Di fatto, questa disposizione corrisponde a quella prevista dal precedente art. 27 LCit, con la sola differenza che riguarda persone che risiedono all'estero.

Art. 29 LCit

Concerne cittadini stranieri che hanno vissuto per almeno cinque anni ritenendo in buona fede di possedere la cittadinanza svizzera e come tali sono stati effettivamente considerati dalle nostre autorità.

Art. 30 LCit

Contempla la possibilità offerta al minorenne apolide di richiedere la cittadinanza svizzera dopo aver risieduto cinque anni in Svizzera.

Art. 31a LCit

Prevede la naturalizzazione agevolata della persona che non ha ancora compiuto il ventiduesimo anno di età, che ha risieduto complessivamente cinque anni in Svizzera e che non era stato incluso a suo tempo nella naturalizzazione del proprio genitore.

Art. 31b LCit

Riguarda lo straniero che ha stretti vincoli con il nostro Paese, figlio di un genitore già stato svizzero ma che aveva perso la nostra cittadinanza prima che il figlio nascesse.

Art. 58a LCit

Si riferisce ai figli di madri svizzere che, in virtù della legge federale in vigore al momento della loro nascita, non hanno assunto la cittadinanza svizzera della loro genitrice.

Art. 58c LCit

Concerne i figli di padri svizzeri che, in virtù della legge federale in vigore al momento della loro nascita, non hanno assunto la cittadinanza svizzera del loro genitore.


Sotto il profilo procedurale valgono per tutti questi casi in pratica le considerazioni espresse in precedenza nel commento all'art. 27 LCit.