Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domanda di cambiamento di nome a norma dell’art. 30, cpv. 1 CC

Il governo del Cantone di domicilio può, per motivi degni di rispetto, concedere a una persona il cambiamento del proprio nome.

Di massima occorre che siano rispettati i seguenti principi:

  • Il semplice desiderio di portare un nome non è sufficiente.
  • Devono essere formulati altri motivi.
  • Tali motivi non devono essere illeciti, abusivi o contrari ai buoni costumi.
  • I motivi addotti devono essere ragionevoli.
  • Il nome desiderato dev'essere giuridicamente ammissibile.
  • I fatti addotti devono essere attestati e non solamente pretesi.

Tasse e spese

L’autorizzazione al cambiamento del nome è soggetta ad una tassa fino ad un massimo di fr. 700.- (settecento), vedi art. 35 RSC.

La domanda deve essere debitamente motivata e sostenuta dagli elementi probatori necessari.

Conformemente all'art. 9 del Regolamento sullo stato civile (RSC) (cit.)

1. Le decisioni in materia di cambiamento di nome sono di competenza dell'Ufficio dello stato civile.

2. La domanda, con firma autenticata, dev'essere presentata dall'interessato, dal suo rappresentante legale o da un suo procuratore.

3. Essa dev'essere corredata dai seguenti documenti:

  • giustificativi a sostegno della motivazione su cui si fonda l'istanza;
  • libretto di famiglia o cartellina contenente gli atti dello stato civile se in possesso dell'istante;
  • consenso dei genitori o del rappresentante legale per i minorenni o le persone incapaci di discernimento;
  • certificato di domicilio dell'istante in originale e rilasciato da meno di sei mesi;
  • copia di un documento di identità valevole.

4. È riservata ogni altra richiesta di prova, in particolare gli atti di stato civile che si renderanno necessari nell'ambito della trattazione dell'istanza e per quanto i dati personali utili non siano direttamente rilevabili mediante procedura d'accesso al registro dello stato civile.