Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Programmi d'inserimento

Tra gli obiettivi principali dell'assistenza sociale, oltre che la garanzia del minimo vitale, vi è quello di favorire l'inserimento sociale e professionale.

A tal fine si distiguono due percorsi di inserimento:

  • professionale: per i beneficiari di prestazioni che dimostrano di essere in grado di rientrare o di entrare nel mondo del lavoro in tempi brevi;
  • sociale: per coloro che non sono in grado di accedere al mercato del lavoro, ma che possono aspirare ad un grado di autonomia maggiore o che necessitano di un periodo di accompagnamento.

Inserimento professionale

Dal 1° maggio 2012 è in vigore la strategia interdipartimentale per l'inserimento professionale delle persone disoccupate a beneficio di assistenza sociale, con l'unione delle risorse e delle competenze tra la Sezione del Lavoro (DFE) e la Divisione dell'azione sociale e delle famiglie (DSS).

Tutte le persone che richiedono l'assistenza sociale, e non presentano motivi comprovati di inabilità lavorativa, sono segnalate dall'USSI agli Uffici regionali di collocamento (URC) per un preavviso. In caso di parere positivo, il consulente URC accompagna il beneficiario di assistenza sociale nell'inserimento professionale, attraverso l'attivazione di adeguate misure e provvedimenti inerenti il mercato del lavoro.

Il percorso di inserimento professionale ha una durata massima di un anno e prevede la firma di un contratto di inserimento professionale con l'USSI nel quale sono indicati i diritti e i doveri dell'utente.

Inserimento sociale

Nel caso in cui l'URC esprimesse un preavviso negativo, l'USSI verifica la possibilità di attivare un percorso di inserimento sociale, per tramite di attività di utilità pubblica (AUP). Si tratta segnatamente di attività svolte in enti pubblici, associazioni, fondazioni e imprese sociali che hanno come obiettivo un riallenamento al lavoro tramite la verifica delle capacità residue delle persone e il mantenimento delle relazioni sociali.

Le AUP hanno una durata media di 6-12 mesi.

Per i giovani adulti 18-25 senza formazione è prevista una misura di inserimento sociale specifica in collaborazione con la Fondazione il Gabbiano (Macondo a Chiasso o Midada a Muralto).