Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Attività ispettive

Il Laboratorio cantonale svolge ispezioni nei settori sotto indicati e se del caso preleva campioni ufficiali. Può anche prelevare campioni non in ambito ispettivo. In caso di contestazione ispettiva o analitica esso intima misure amministrative di ripristino, recuperando -come emolumento ai sensi dell'art. 45 LDerr- i costi dell'attività. Questi sono calcolati sulla base di un tariffario nazionale (disponibile solo in francese o tedesco). In caso di non conformità di una certa rilevanza il Laboratorio applica l'art. 47 LDerr (Delitti) o art. 48 LDerr (Contravvenzioni), denunciando al Ministero Pubblico risp. aprendo procedure contravvenzionali.



Ispezioni e supervisione degli acquedotti. Si tratta di un settore di importanza primaria. L'acqua, tra le derrate alimentari, è quella di maggior consumo (ca. 2 kg/giorno/persona): la sua conformità ai requisiti di potabilità deve quindi essere costantemente garantita tramite un'intensa attività di controllo degli impianti e con frequenti prelievi di campioni. Gli acquedotti del Ticino sottoposti alla supervisione del Laboratorio cantonale sono ca. 450;

Ispezioni degli stabilimenti balneari (spiagge e piscine comunali, scolastiche, d'alberghi, di camping ecc.) con prelievi di campioni per la verifica della conformità dell'acqua ai requisiti di balneabilità (ca. 200 attività da ispezionare);