Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Vaccinazione contro il cancro del collo dell'utero e altre malattie causate dai virus del papilloma umano (HPV)

In Svizzera, i virus HPV sono la causa più frequente d'infezioni sessualmente trasmissibili e si stima che il 70% delle persone sessualmente attive ne siano contagiate. Un'infezione da taluni virus HPV (come i tipi 16 o 18) può degenerare in stadi precancerosi o, in alcuni casi, in cancro.
Ogni anno in Svizzera circa 5’000 donne presentano delle lesioni cancerose e circa 250 un cancro del collo dell'utero. Altri tumori sono causati dall’HPV, ad esempio i tumori dell’orofaringe e dell’ano. In totale per donne e uomini, ogni anno, i casi di tumori associati all’HPV 16/18 sono oltre 350 e possono arrivare fino a 500.

Il Servizio di medicina scolastica promuove un Programma cantonale di vaccinazione contro il cancro del collo dell'utero dal 2009, attenendosi alle raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica e della Commissione federale per le vaccinazioni. Possono essere vaccinati all’interno del Programma cantonale: le adolescenti di età compresa tra gli 11 e i 14 anni (vaccinazione di base), le giovani donne dai 15 ai 26 anni (vaccinazione complementare) per un periodo transitorio fino al 30.6.2018 e i ragazzi e i giovani uomini tra gli 11 e i 26 anni (vaccinazione complementare). È sufficiente rivolgersi a uno dei medici che hanno aderito al programma, che eseguirà gratuitamente la vaccinazione. Si tratta di medici specialisti in medicina generale, interna, ginecologia-ostetricia e pediatria. 

La vaccinazione è una misura preventiva raccomandata, ma non obbligatoria. Spetta alle/i beneficiarie/i decidere se aderire a questa misura di salute pubblica e valutare il momento più opportuno per farlo.

Adesione al programma cantonale di vaccinazione

Le adesioni dei medici al Programma cantonale sono chiuse. Sarà nuovamente possibile aderire da maggio 2018.