Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Programmi d'agglomerato (PA)

Nel 2001 il Consiglio federale ha varato la politica degli agglomerati con l'obiettivo primario di favorire la collaborazione verticale (Confederazione-Cantone-Comuni) e quella orizzontale (tra Comuni) all'interno degli agglomerati.

Nel 2006 il Parlamento ha approvato la Legge federale concernente il fondo infrastrutturale per il traffico d'agglomerato (LFIT) e la costituzione dell'omonimo fondo.

Esso ha una validità di 20 anni e dispone di 6 miliardi di franchi, quali contributi agli investimenti, destinati a migliorare i trasporti pubblici e privati nelle città e negli agglomerati.

Su questa base, a partire dal 2011 la Confederazione sosterrà interventi per la rete dei trasporti fino ad un massimo del 50% del loro costo realizzativo.

La quota sussidiabile viene determinata dal rapporto costo/beneficio delle misure previste.

I contributi non verranno erogati per singoli progetti, ma concessi ai programmi d'agglomerato trasporti e insediamento.

Il programma d'agglomerato (PA) è definito quale strumento che permette di coordinare le tematiche multidisciplinari all'interno di un agglomerato.

Esso va allestito secondo le indicazioni fornite dalla Confederazione e deve soddisfare una serie di requisiti di base e di criteri di efficacia.

L'impostazione definita dalla Confederazione per i PA è analoga alla politica perseguita nel nostro Cantone mediante l'elaborazione dei Piani regionali dei trasporti, per la quale decisiva è stata l'istituzione delle Commissioni regionali dei trasporti quale organo politico posto ad un livello intermedio tra il Cantone e i Comuni.

Il fondo infrastrutturale per il traffico d'agglomerato apre nuove prospettive per il finanziamento dei Piani regionali dei trasporti.

Grazie ad esso, misure fino ad ora non sussidiabili dalla Confederazione possono infatti godere del suo sostegno, quali ad esempio la realizzazione di percorsi ciclabili o pedonali o della rete tram del Luganese.

La Confederazione ha già deciso un contributo nella misura del 50% alla costruzione della ferrovia Mendrisio-Varese (FMV).

A fine 2009 la Confederazione ha elaborato il suo rapporto d'esame sul PAM e sul PAL e il Consiglio federale ha trasmesso alle Camere la proposta concernente la liberazione dei crediti per il programma traffico d'agglomerato a partire dal 2011.

Nel 2010 il Parlamento federale ha quindi deciso il cofinanziamento del Programma d’agglomerato del Mendrisiotto (PAM1) in ragione del 35% per un totale di 19.40 milioni di franchi e del Programma d’agglomerato del Luganese (PAL1) in ragione del 30% per un totale di 27.45 milioni di franchi.

A fine 2011 sono stati trasmessi alla Confederazione i nuovi Programmi d’agglomerato di seconda generazione del Bellinzonese (PAB) e del Locarnese (PALOC) e al 30 di giugno 2012 sono stati inviati i programmi d’agglomerato rielaborati del Mendrisiotto (PAM2) e del Luganese (PAL2).

Questi Programmi sono stati vagliati dalla Confederazione in vista della concessione di contributi che saranno stabiliti in funzione dell’efficacia e dei costi delle misure.

Il 26 di febbraio 2014 il Consiglio federale ha adottato il messaggio concernente il Decreto federale che libera i crediti per il programma Traffico d’agglomerato a partire dal 2015 e lo ha trasmesso alle Camere federali.

A questo messaggio sono allegati i Rapporti d’esame sui singoli Programmi d’agglomerato e il relativo Rapporto esplicativo.

La decisione delle Camere federali è prevista entro fine 2014 e i fondi saranno liberati a partire dal 2015.

Dall’inizio del 2014 il Dipartimento del territorio, in accordo con le Commissioni regionali dei trasporti, ha già avviato il lavori preparatori per i Programmi d’agglomerato di terza generazione.