Micologia e Lichenologia

Il settore micologico del Museo cantonale di storia naturale si occupa di macromiceti (principalmente Basidiomiceti, Ascomiceti e Mixomiceti) e di licheni.

Il Cantone Ticino, grazie alla ricchezza e alla varietà degli ambienti naturali rappresenta un territorio di notevole interesse micologico. L'andar per funghi è per molti ticinesi una tradizione. La grande varietà geologica e climatica e la conseguente ricchezza floristica favorisce la crescita di numerose specie di funghi, alcune delle quali molto rare. Fino ad oggi sono state censite ca. 3000 specie e ogni anno questo numero aumenta. A basse quote si possono reperire specie tipiche della flora mediterranea, mentre a nord del Cantone troviamo specie artico-alpine.

L'attività di questo reparto è cominciata nel 1978 con l’allestimento di un'esposizione didattica di funghi liofilizzati (essiccati sotto vuoto, i reperti congelati mantengono inalterata forma e proporzioni), a disposizione delle scuole e della popolazione (esposizione permanente). Parallelamente a quella dei liofilizzati, iniziò anche la costituzione della collezione dei funghi essiccati (fungario o "erbario micologico") che documenta in modo scientifico, con materiale datato e localizzato, la ricchezza micologica del Cantone Ticino e che raccoglie importanti campioni di riferimento.

Il settore micologico è una peculiarità del Museo di storia naturale di Lugano: in Svizzera sono pochissimi gli altri istituti che si occupano di funghi.