Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti sul cognome (nuovo, cambio, modifica,…)

Le decisioni in materia di cambiamento di nome sono di competenza dell'Ufficio dello stato civile.
La domanda, con firma autenticata, dev'essere presentata dall'interessato, dal suo rappresentante legale o da un suo procuratore.
Essa dev'essere corredata dai seguenti documenti:

a) giustificativi a sostegno della motivazione su cui si fonda l'istanza;
b) libretto di famiglia o cartellina contenente gli atti dello stato civile se in possesso dell'istante;
c) consenso dei genitori o del rappresentante legale per i minorenni o le persone incapaci di discernimento;
d) certificato di domicilio dell'istante in originale e rilasciato da meno di sei mesi;
e) copia di un documento di identità valevole.

È riservata ogni altra richiesta di prova, in particolare gli atti di stato civile che si renderanno necessari nell'ambito della trattazione dell'istanza e per quanto i dati personali utili non siano direttamente rilevabili mediante procedura d'accesso al registro dello stato civile.

 

Nell'ambito del diritto svizzero lo scioglimento del matrimonio (per divorzio, annullamento o morte del coniuge) non produce effetti automatici sul cognome. Il coniuge che ha cambiato cognome in occasione del matrimonio può tuttavia, in ogni tempo, dichiarare all'ufficiale dello stato civile di voler riprendere il proprio cognome da celibe o nubile.

La dichiarazione può essere sottoscritta innanzi ad ogni ufficiale dello stato civile in Svizzera e presso le Rappresentanze svizzere all'estero.
La firma della persona dichiarante dev'essere autenticata.

 

Allorquando è applicabile il diritto svizzero, il figlio di genitori sposati assume il cognome coniugale degli stessi; se gli stessi portano cognomi diversi, il figlio assume il cognome da celibe o da nubile da essi scelto per i figli comuni in occasione del matrimonio. Entro un anno dalla nascita del primo figlio, i genitori possono chiedere congiuntamente che il figlio porti il cognome da celibe o nubile dell'altro genitore.
Se portano cognomi diversi e in occasione del matrimonio non hanno determinato
il cognome dei figli, al momento della notificazione scritta della nascita del primo
figlio i genitori dichiarano all'ufficiale dello stato civile quale cognome da celibe o nubile porteranno i propri figli. Il figlio di genitori non sposati tra loro assume il cognome da nubile della madre.
Se l'autorità di protezione dei minori attribuisce loro l'autorità parentale in comune, i genitori possono, al momento della notificazione della nascita o entro un anno dal trasferimento dell'autorità parentale, dichiarare all'ufficiale dello stato civile che il figlio porterà il cognome da celibe del padre. Se è il solo detentore dell'autorità parentale, il padre può fare la stessa dichiarazione. Per quanto possibile, la madre deve essere informata sull'avvenuta dichiarazione (art. 275a cpv. 1 CC).
Nell'ambito dei rapporti di diritto internazionale privato, le autorità di stato civile offrono la consulenza necessaria e orientano i genitori sulle procedure da seguire per l'eventuale applicazione di un diritto diverso da quello svizzero.

Non avete trovato quello che cercavate?

Aiutaci a migliorare

Per noi è molto importante la vostra soddisfazione e chiediamo la vostra preziosa collaborazione rispondendo alle domande sottostanti.

Grazie!

Formulario di contatto

Formulario di contatto
captcha

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati inseriti nel modulo di contatto sono trattati in conformità alla Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) del Cantone Ticino.
Una copia del messaggio sarà recapitata all'e-mail da voi indicato, quale conferma di spedizione. Per problemi nella compilazione del modulo scrivere a: di-webmaster@ti.ch