Vai al contenuto principale Vai alla ricerca
Oops, an error occurred! Code: 20210514112430c6ab2979

Comunicato stampa

Stato Maggiore Cantonale di Condotta

15 marzo 2020

Comunicato stampa

Stato Maggiore Cantonale di Condotta

15 marzo 2020

Coronavirus: hotline per le attività commerciali

Lo Stato Maggiore Cantonale di Condotta (SMCC) comunica che alla luce dell’importante numero di telefonate che sta giungendo in queste ore alla hotline appositamente istituita per le attività commerciali (numero: 0840 117 112) è stata decisa un’estensione degli orari in cui gli operatori saranno a disposizione per fornire indicazioni puntuali. A partire da domani, lunedì 16 marzo, la linea sarà nuovamente disponibile dalle 06:00 alle 22:00.


Alla luce dell’importante numero di richieste, s’invita l’utenza a privilegiare il contatto telefonico in quanto non è possibile garantire una risposta tempestiva alle email. Si chiede inoltre di pazientare qualora i tempi di attesa dovessero dilatarsi.

Al di fuori di queste fasce orarie, si raccomanda di non far capo al numero citato al fine di non sovraccaricare il 117 che deve rimanere dedicato alle urgenze.

Si invita inoltre gli interessati a consultare, prima di telefonare, il sito www.ti.ch/coronavirus al fine di verificare se la risposta non sia già disponibile nelle “direttive e informazioni”. Ulteriori informazioni utili sono disponibili sul sito www.ti.ch/fideiussione e www.ti.ch/lavororidotto.

Importante ricordare che, come stabilito al punto 4. della Risoluzione governativa del 14 marzo 2020 (consultabile sul sito www.ti.ch/coronavirus), le attività dell'economia privata per cui non è stata disposta la sospensione devono essere limitate al minimo indispensabile. Ciò significa che può essere svolto solo ciò che è oggettivamente urgente e non procrastinabile, garantendo la distanza tra le persone, adeguando gli spazi lavorativi o dividendo gli uffici. Tutte le altre attività vanno svolte incoraggiando il telelavoro e soluzioni analoghe.

In questi giorni, per tutti, deve prevalere la salute pubblica. L’importanza e la necessità di rinviare quanto non strettamente necessario è legata al fatto che l’interazione sociale può avvenire anche prima e/o dopo la puntuale attività e ciò si tramuta in un rischio accresciuto di contagio. In ogni caso vanno rispettate le norme igieniche accresciute di distanza sociale.

Infine è bene precisare che il Governo ha deciso di adottare queste misure particolarmente restrittive per un primo periodo relativamente breve, sino al 29 di marzo, per verificarne l’efficacia nel rallentare la diffusione del contagio allo scopo di salvare delle vite umane.