Vai al contenuto principale Vai alla ricerca
Oops, an error occurred! Code: 20210420001404dcd629d8

Comunicato stampa

Consiglio di Stato
Stato Maggiore Cantonale di Condotta

16 marzo 2020

Comunicato stampa

Consiglio di Stato
Stato Maggiore Cantonale di Condotta

16 marzo 2020

Coronavirus: misure a sostegno dell’economia cantonale

Come anticipato durante la conferenza stampa di sabato 14 marzo, il Consiglio di Stato ha adottato altre misure urgenti volte a sostenere l’economia cantonale in questo delicato momento. Le misure si inseriscono nel solco di quelle adottate il 13 marzo scorso dalla Confederazione – con la quale vi è un contatto costante – e sono state elaborate anche a seguito dei proficui incontri svolti negli scorsi giorni con i rappresentanti delle principali associazioni di categoria, del settore turistico e dei sindacati.


In particolare, quanto adottato dal Consiglio di Stato è rivolto al breve termine e si prefigge di far fronte ai problemi di liquidità di aziende e imprenditori. Parallelamente, vista l’importanza delle indennità per lavoro ridotto (www.ti.ch/lavororidotto) e delle fideiussioni per l’accesso al credito bancario (www.ti.ch/fideiussioni), il Governo si è prontamente attivato, anche nei confronti delle autorità federali, per un’ulteriore ottimizzazione di questi strumenti, già toccati dalle misure decise dalla Confederazione.

Misure adottate dal Consiglio di Stato

  1. Dilazione dei termini di pagamento
    È concessa una dilazione dei termini di pagamento di 60 giorni per le fatture emesse dallo Stato. Eventuali eccezioni saranno comunicate separatamente.

  2. Interessi di ritardo
    Gli interessi di ritardo sui crediti fiscali, compresi gli acconti non saldati, non saranno conteggiati per l’anno civile 2020 e, più precisamente, a partire dal 1° marzo 2020 al 30 settembre 2020.

  3. Proroghe per l’inoltro delle dichiarazioni d’imposta
    È concessa una proroga d’ufficio al 30 giugno 2020 per l’inoltro delle dichiarazioni d’imposta per le persone fisiche per il periodo 2019 e quelle dei periodi precedenti. È concessa una proroga d’ufficio al 30 settembre 2020 per l’inoltro delle dichiarazioni d’imposta per le persone giuridiche per il periodo 2019 e quelle dei periodi precedenti.

  4. Acconti d’imposta emessi nel 2020
    La Divisione delle contribuzioni è autorizzata a rivalutare al ribasso la base di calcolo interna per la determinazione degli acconti che saranno emessi nel corso dell’anno 2020.

  5. Misure per beneficiari di sussidi ai sensi della Legge sul turismo (LTur)
    È sospeso l’incasso delle rate dei mutui concessi ai sensi della Legge sul turismo (LTur). È altresì prevista la cessione dei crediti per sussidi LTur agli istituti bancari. Si invitano gli albergatori a discutere questa possibilità direttamente con il proprio istituto bancario. Inoltre, gli albergatori che non hanno ancora richiesto acconti o la liquidazione finale degli investimenti strutturali sussidiati ai sensi della LTur sono invitati a prendere contatto con l’Ufficio per lo sviluppo economico (dfe-use@ti.ch), in modo da accelerare la tempistica per il versamento.

  6. Sospensione rimborso prestiti erogati tramite i Fondi di promozione regionale (FPR)
    Gli Enti regionali per lo sviluppo (ERS) sono invitati a sospendere il rimborso dei prestiti FPR per progetti direttamente toccati dalla particolare situazione.

  7. Ottimizzazione dello strumento delle indennità per lavoro ridotto (ILR)
    La riduzione del tempo di attesa per le indennità per lavoro ridotto a un giorno, decisa dalla Segreteria di Stato dell’economia (SECO), è un primo passo importante verso lo snellimento delle procedure. In questo senso, vista anche la grande mole di richieste pervenute alla Sezione del lavoro, ricordiamo inoltre che è stato messo in atto un ulteriore potenziamento degli effettivi e dei supporti operativi, in modo da garantire una tempestiva informazione e una più celere evasione delle pratiche. Il Consiglio di Stato ha, inoltre, autorizzato sin da subito la Sezione del lavoro a considerare tutte le richieste di preannuncio per lavoro ridotto per coronavirus alla stregua di “perdite di lavoro dovute a provvedimenti delle autorità”, ai sensi degli articoli 32 cpv. 3 LADI e 51 OADI, anche laddove non vi sia al momento un ordine diretto di chiusura dell'attività. Non da ultimo, il Consiglio di Stato chiede inoltre alla Confederazione un’estensione della cerchia di beneficiari che possono beneficiare delle ILR. In particolare, ci attendiamo che questo strumento sia esteso anche agli indipendenti e ai titolari e ai dirigenti di aziende, che sul nostro territorio sono nella maggior parte dei casi famiglie. La richiesta si inserisce nel solco degli approfondimenti che la SECO ha intrapreso per estendere le ILR anche ai contratti di lavoro di durata determinata non rescindibili e ai lavoratori impiegati temporaneamente. Maggiori informazioni si si trovano sul sito www.ti.ch/lavororidotto.

  8.  Ottimizzazione delle fideiussioni per l’accesso al credito bancario
    Quanto intrapreso dalla Confederazione – ovvero la messa a disposizione fino a 580 milioni di franchi sotto forma di crediti bancari garantiti e il previsto sostegno di 10 milioni di franchi per le spese amministrative straordinarie delle organizzazioni che concedono fideiussioni – è un elemento importante anche per in nostro Cantone. Su questa tela di fondo, è in corso il potenziamento della presenza della cooperativa di fideiussione CFSud (www.bgost.ch) in Ticino. Per accelerare e agevolare ulteriormente le procedure sono in corso valutazioni in collaborazione anche con la Banca dello Stato del Cantone Ticino. Si ricorda che la fideiussione entra in linea di conto per tutte quelle attività che non forniscono sufficienti garanzie alle banche ma con prospettive integre, e che senza la fideiussione non riuscirebbero a finanziare il loro progetto, ampliare la loro attività, superare momenti temporanei di carenza liquidità, rilevare un’attività esistente o fondare una nuova società.

    Tutte le informazioni sulla procedura per accedere alle fideiussioni sono consultabili sul sito www.ti.ch/fideiussioni.  

    Alla luce delle rapide evoluzioni in atto, accanto a queste prime misure a corto termine per garantire la liquidità, il Consiglio di Stato sta già studiando altre misure orientate al medio e lungo periodo. Queste ultime saranno sviluppate a stretto contatto con le associazioni economiche di categoria e i sindacati, nell’ambito degli incontri regolari già avviati nel corso di queste settimane.         

    Altre informazioni generali


    Si invita inoltre gli interessati a consultare, prima di telefonare, il sito www.ti.ch/coronavirus al fine di verificare se la risposta non sia già disponibile nelle “direttive e informazioni”. Ulteriori informazioni utili sono disponibili sul sito www.ti.ch/fideiussione e www.ti.ch/lavororidotto.