Vai al contenuto principale Vai alla ricerca


Diego Valeri (1887-1976)

dall'Italia

Poeta e traduttore italiano, Diego Valeri nacque a Piove di Sacco in Veneto nel 1887. Studiò letteratura dimostrando sin da subito un vivo interesse per questa materia. Nel 1912 vinse il concorso per divenire professore di italiano e latino e frequentò due anni dopo, grazie a una borsa di studio, un corso alla Sorbona di Parigi. Al ritorno dalla Francia insegnò presso diversi licei italiani fino a che nel 1939 diventò professore ordinario presso l'università di Padova. Socialista convinto, Valeri durante l'occupazione nazista fu costretto all'esilio e quindi a rifugiarsi in Svizzera. La permanenza forzata dal 1943 al 1945 su suolo elvetico non gli impedì di continuare la sua attività culturale: collaborò infatti con altri rifugiati a diverse riviste ticinesi, è del 1946 invece  l'opera Taccuino Svizzero in cui racconta i suoi giorni trascorsi in Svizzera. Di ritorno in Italia rimase a Venezia fino alla morte avvenuta nel 1976 all'età di 89 anni.

Per saperne di più: