Vai al contenuto principale Vai alla ricerca


August Bebel (1840-1913)

dalla Germania

Nato a Deutz (un quartiere di Colonia) nel 1840, August Bebel fu politico e scrittore. Iniziata la carriera di operaio tornitore, ben prestò iniziò a nutrire un vivido interesse per la politica. Fondò nel 1869 il Partito Socialdemocratico dei Lavoratori con Wilhelm Liebknecht. Sottoposto a processo per attività politica sovversiva nel 1872 a causa di un voto contro la richiesta di crediti di guerra in occasione della guerra franco-prussiana, venne condannato a  una reclusione forzata nella fortezza di Königstein. Prese posizione contro l'odio verso gli ebrei e pubblicò un rapporto intitolato La social-democrazia e l'antisemitismo; divenne inoltre famosa una sua citazione: “l’antisemitismo è il socialismo degli imbecilli”. Nel 1904 arrivò in Ticino per soggiornare alcuni giorni al Monte Verità di Ascona; nel 1905 vi tenne una conferenza. Fu ospite in un sanatorio a Zurigo, dove morì nel 1913 all'età di 73 anni.

Per saperne di più: