Vai al contenuto principale Vai alla ricerca


Laszlo Moholy Nagy (1895-1946)

dall'Ungheria

Nato a Borsód in Ungheria nel 1895, Laszlo Moholy Nagy fu pittore, fotografo ed esponente del Bauhaus. Nel 1913 intraprese gli studi universitari di giurisprudenza a Budapest ma venne ben presto chiamato alle armi dall'esercito austro-ungarico. A seguito di una traumatica ferita e una lunga convalescenza si iniziò a formare in lui un forte senso di idealismo sociale. Sempre più convinto di volere intraprendere la carriera artistica, Laszlo si lasciò trasportare dalle correnti artistiche europee del momento dedicandosi alla sua passione più grande: la pittura. Nel 1919, trasferitosi a Vienna, decise di aderire e sperimentare le idee del movimento Dada. Nel 1923 Walter Gropius, colpito dalla sua pittura, gli chiese di collaborare al Bauhaus di Weimar. Durante questo periodo di grande fruizione artistica Laszlo ebbe modo di visitare il Ticino, frequentando il Monte Verità di Ascona tra la fine degli anni Venti e l'inizio degli anni Trenta. Verso la fine di questo decennio si trasferì negli Stati Uniti dove continuò la sua sperimentazione con una vasta varietà di media. Ricevette la cittadinanza americana nel 1944, due anni prima della morte avvenuta a Chicago. Aveva 51 anni.

Per saperne di più: