Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Ricerche e progetti

Pianificati

Censimento del settore bandistico ticinese
Il censimento proposto rientra nelle attività di monitoraggio (dei vari settori culturali) dell'OC. Attraverso il censimento del settore bandistico si intende indagare una realtà molto radicata, ma poco conosciuta anche alle associazioni mantello.

Forme e ritmi della lettura
Con l'avvento della fruizione digitale, anche il mondo della lettura sta vivendo una fase di profonda trasformazione, modificando le abitudini e i supporti utilizzati dai lettori. Le forme e i ritmi della lettura hanno assunto connotati diversi, ambivalenti, diversificandosi secondo gli scopi e i momenti dedicati a questa attività. Grazie a questa indagine si vogliono tratteggiare le principali tendenze del settore, incrociando i dati globali, con quelli ricavati da indagini locali e regionali.
Il progetto è in collaborazione con: Osservatorio linguistico della Svizzera italiana (OLSI), Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), Sistema bibliotecario ticinese (SBT), Università della Svizzera italiana (USI).

Guida letteraria della Svizzera italiana
Gli autori ticinesi, svizzeri e stranieri che hanno vissuto o che hanno soggiornato nella Svizzera italiana sono numerosi: ad esempio Caterina Beretta, Plinio Martini, Giorgio Orelli, Hermann Hesse, Max Frisch e Ernst Hemingway. Il nostro territorio ha così ispirato pagine di prosa, poesia, epistolari, diari, opere teatrali, resoconti letterari di viaggio e saggi di prosa d’arte. La “Guida letteraria della Svizzera italiana” intende valorizzare questo importante patrimonio letterario, raccogliendo un’antologia di citazioni relative alle differenti realtà della regione in una mappa tematica georeferenziata e promuovendo la nascita di una comunità di lettori-segnalatori che la arricchisca di nuove informazioni (crowd-sourcing). 

Indagine sui principali festival cinematografici ticinesi
Negli ultimi decenni i festival cinematografici hanno assunto un'importanza crescente anche nella Svizzera italiana. Grazie all'indagine condotta in seno ai principali festival della regione si vogliono delineare le principali caratteristiche di questo settore in grado di mobilitare decine di migliaia di spettatori e di veicolare l'immagine del Ticino in tutto il mondo. 

Indagine sul volontariato e sulle diverse associazioni in ambito culturale
Il censimento proposto rientra nelle attività di monitoraggio dell'OC. Attraverso questa inchiesta si intende indagare una realtà molto diffusa in ambito culturale (senza la presenza di volontari, molti operatori culturali non potrebbero operare; molti beni/opere/attività non verrebbero preservati e valorizzati). Una realtà di cui però non si conoscono in maniera approfondita i principali attori (i volontari), le motivazioni e il valore finanziario delle loro prestazioni, a seconda delle singole qualifiche e competenze. 

Ricerche concluse

Censimento cantonale dei musei e degli istituti analoghi con sede in Ticino
L'ultimo censimento cantonale dei musei è stato realizzato nel 2005. È quindi ormai necessario attualizzare la fotografia svolta dieci anni fa con una nuova rilevazione, denominata Censimento cantonale dei musei 2015 (per l'anno 2014). A essere coinvolti sono tutti gli istituti a carattere museale del cantone (circa un centinaio), indipendentemente dalla loro grandezza, forma di gestione e proprietà. Dall'inchiesta sono invece esclusi i parchi botanici. I risultati saranno pubblicati sul sito web dell'Osservatorio culturale e messi a disposizione della Conferenza cantonale della cultura, da poco istituita.

Censimento dei settori danza e teatro in Ticino
L'obiettivo del progetto è quello di scattare una fotografia dettagliata del settore "teatro e danza" ticinese, indagando aspetto relativi alle tipologie di teatri e scuole di danza presenti in Ticino, alla loro natura giuridica e alle forme di gestione che li caratterizzano, alla loro accessibilità, alle modalità di ingresso, visite e iscritti, alle risorse umane che vi lavorano, alle risorse finanziarie investite, alle strutture, ai servizi e alle attività proposte. L'indagine mira anche a raccogliere informazioni sull'uso delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione in questo contesto, così come sui rapporti e le collaborazioni con il territorio e con partner esterni e sulle valutazioni settoriali e sulle aspettative dei singoli operatori. Un obiettivo secondario è poi quello di aggiornare (ed ev. correggere) le schede di dettaglio sugli operatori di questo ambito presenti online nella banca dati "operatori e associazioni culturali" (vedi attività ordinaria dell'Osservatorio culturale). 

Censimento delle infrastrutture e delle attività culturali nei Comuni ticinesi
Nell'attività ordinaria dell'Osservatorio culturale (OC) figura anche l'aggiornamento costante della banca dati "Operatori e associazioni culturali". Un confronto con la banca dati "Eventi culturali" ha permesso di stabilire che i Comuni ticinesi stanno vieppiù diventando dei veri e propri operatori culturali. In questo senso, ogni due anni l'OC si propone di realizzare un censimento riguardante i Comuni ticinesi, che permetta di indagare il ruolo svolto dai Comuni in ambito culturale e di elencare le infrastrutture comunali utilizzate a fini culturali.

Finanziamento delle attività culturali in Ticino
Dopo aver pubblicato nel 2015 un primo studio sul finanziamento della cultura in Ticino (anni di riferimento 2012-2013), l'Osservatorio culturale è stato chiamato dal suo Comitato scientifico a riproporre l'inchiesta, aggiornando i dati agli anni 2014 e 2015 ed estendendo il campo di indagine a più enti, fondazioni e aziende. I risultati dell'inchiesta sono stati pubblicati nel 2017.