Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Coronavirus - Informazioni per aziende e apprendisti

Stato 26.8.2021

Informazioni sulla formazione professionale

La Svizzera sta vivendo una situazione straordinaria, che si evolve continuamente. La situazione però non è ancora del tutto tornata alla normalità e l’epidemia COVID-19 continua a implicare obblighi particolari per il datore di lavoro e lavoratori, apprendisti compresi.

I partner della formazione professionale (Confederazione, Cantoni e organizzazioni del mondo del lavoro) hanno sottoscritto un impegno comune a livello nazionale. Tutti i partner si impegnano per evitare ripercussioni negative sulla formazione professionale: le competenze stabilite per legge rimangono valide, ma la collaborazione tra i partner viene intensificata. In Ticino, la Divisione della formazione professionale lavora con le organizzazioni del mondo del lavoro e le aziende al fine di assicurare la piena collaborazione e sostegno.
Sotto la guida del gruppo di coordinamento «Formazione professionale 2030» la Task force "Prospettive tirocinio" aggiorna gli attori della formazione professionale sulle misure e sulle decisioni prese congiuntamente a livello nazionale.

La straordinaria situazione legata al coronavirus richiede misure speciali. Anche in Ticino i partner della formazione professionale si stanno aiutano a vicenda. Nel caso di domande o esigenze specifiche su casi individuali, vi invitiamo a contattare le rispettive Sezioni di formazioni di riferimento o direttamente il/la vostro/a ispettore/ice di tirocinio di riferimento: ci impegneremo a trovare soluzioni adeguate, adattate alla situazione.

Per informazioni generali alle aziende formatrici è attivo il numero verde 0800 606 605 della Città dei mestieri della Svizzera italiana oppure via email cittadeimestieri(at)ti.ch.

Ulteriori informazioni generali per le aziende sono disponibili alla pagina web della SECO.

Le aziende formatrici sono sempre tenute a mettere in atto tutte le misure atte a tutelare la salute e la sicurezza degli apprendisti e apprendiste sul posto di lavoro. Il datore di lavoro deve provvedere affinché tutti i giovani impiegati nella sua azienda siano sufficientemente e adeguatamente informati e istruiti da una persona adulta qualificata, in particolare in merito alla sicurezza e alla protezione della salute sul lavoro. Una volta assunti, il datore di lavoro deve consegnare e spiegare loro le relative prescrizioni e raccomandazioni. Il datore di lavoro informa i genitori o le persone cui è affidata l’educazione in merito alle condizioni di lavoro, ai possibili pericoli e alle misure adottate per proteggere la sicurezza e la salute del giovane.

In base all’articolo 6 della legge sul lavoro e all’articolo 10 dell’ordinanza sui provvedimenti per combattere l’epidemia di COVID-19 nella situazione particolare, il datore di lavoro ha l’obbligo di tutelare la salute dei propri lavoratori e di adottare i provvedimenti di prevenzione contro il coronavirus sul posto di lavoro. Le aziende devono prevedere e attuare i provvedimenti necessari per garantire che i lavoratori, apprendisti compresi, possano rispettare le raccomandazioni dell’Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) concernenti l’igiene e il distanziamento. Per impedire una nuova diffusione del COVID-19, continuano a essere essenziali il mantenere le distanze di sicurezza, lavarsi le mani accuratamente e con regolarità, ove necessario indossare mascherine e impiegare pareti divisorie.

Per tutte le aziende e strutture accessibili al pubblico, incluse la scuola dell’obbligo e le scuole post-obbligatorie nonché le manifestazioni è obbligatorio un piano di protezione, mentre ne sono esenti le manifestazioni private e le strutture non accessibili al pubblico.

Le raccomandazioni e informazioni per le aziende sono pubblicate su Coronavirus - direttive aziende.