Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Presentazione

Negli ultimi venti anni a livello nazionale e cantonale sempre più giovani faticano ad entrare nel mondo del lavoro, interrompono la formazione, non superano gli esami finali.

Diverse sono le ragioni che spiegano le difficoltà riscontrate da questi giovani nel passaggio dalla scuola dell’obbligo alla formazione di base come ad esempio le fragilità personali, le difficoltà scolastiche, i rischi sociali, gli adattamenti culturali, le relazioni famigliari complicate, l’inserimento nel mercato del lavoro complicato.

Per rispondere ai bisogni di questi giovani, nel tempo, si è resa necessaria l’istituzione di specifiche misure che ottemperano alla transizione dalla scuola dell’obbligo alla formazione di base (postobbligo) e al sostegno durante la formazione.

A partire dall’anno scolastico 2014/15 con la Risoluzione Governativa n°5037 del Consiglio di Stato è stato creato l’Istituto della transizione e del sostegno incaricato di coordinare le misure d’intervento rivolte ad aiutare i giovani:

  • nella transizione dalla scuola dell'obbligo alla formazione postobbligatoria per l’integrazione nella vita professionale e sociale: Pretirocinio di orientamento (PTO), Pretirocinio di integrazione (PTI), Semestre di motivazione (Semo);
  • con specifiche forme di sostegno per iniziare, mantenere e terminare una prima formazione professionale di base: il Case Management;
  • che sono  a rischio d'insuccesso nel loro percorso formativo, con un sostegno principalmente scolastico: il Sostegno Individuale nella Formazione Professionale.

Contatti

Istituto della transizione e del sostegno professionale
Via Vergiò 18
6932 Breganzona

Direttore
Sergio Bello

Vicedirettore
Andrea Ponzetta

Tel. +41 91 815 31 17
decs-its@edu.ti.ch
www.ti.ch/its