Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Corsi di formazione alla cittadinanza

Con l'entrata in vigore della nuova Legge federale sulla cittadinanza Svizzera (LCit) entrata in vigore il 1 gennaio 2018, il nostro Istituto è chiamato a coordinare un'offerta formativa capillare in collaborazione con le scuole professionali del Cantone.

Per la frequenza al corso è necessario dimostrare e certificare la conoscenza della lingua italiana.

Sono esonerati dalla certificazione linguistica coloro che parlano e scrivono l’italiano in quanto lingua madre.

Ottenimento del certificato di lingua

Nell’ambito dell’apprendimento linguistico così come nella formazione professionale è estremamente importante poter dimostrare il livello di competenza raggiunto con il conseguimento di certificazioni riconosciute.

Il richiedente deve dimostrare e certificare di possedere, per quanto riguarda le competenze orali della lingua italiana, almeno il livello di riferimento B1 e, per quanto riguarda le competenze scritte, almeno il livello di riferimento A2 del quadro di riferimento per le lingue generalmente riconosciuto in Europa.

    Dispensa alla fequenza del corso

    La frequenza al corso è obbligatoria.

    E’ dispensato dalla frequentazione del corso e dall'esame circa le conoscenze del contesto geografico, storico, politico e sociale della Svizzera e del Ticino chi ha frequentato almeno cinque anni la scuola dell’obbligo ticinese o ha ultimato una formazione a livello secondario II o terziario in una scuola ticinese.

    L’Istituto della formazione continua si pronuncia in casi di dubbio circa l’equivalenza della formazione assolta presso scuole private con sede in Ticino.