Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Indennità per lavoro ridotto

Le indennità per lavoro ridotto (ILR) permettono alle aziende di mantenere occupazione e competenze in caso di una temporanea riduzione dell’attività, dovuta generalmente a motivi economici.

Regole valide da aprile 2022

Le disposizioni speciali della legge COVID-19 si applicano soltanto quando il lavoro ridotto è almeno parzialmente in relazione con le conseguenze economiche della pandemia.

Nel caso in cui il lavoro ridotto sia dovuto esclusivamente ad altri motivi (p.es. gli effetti della guerra in Ucraina, vedi anche box sotto) si applica quanto disposto normalmente dalla legge sull’assicurazione contro la disoccupazione.

Per maggiori informazioni vi invitiamo a consultare il flyer seguente:

Procedura ordinaria

Ricordiamo che è sempre in vigore la procedura ordinaria per inoltrare il preannuncio per il lavoro ridotto. Vi invitiamo a prestare attenzione alle seguenti informazioni:

  • Il preannuncio di lavoro ridotto deve essere inviato attraverso il modulo online (vedi box sotto).
  • L'autorità cantonale è chiamata a esaminare con rigore i presupposti del diritto, mentre l'azienda che chiede il lavoro ridotto è tenuta a comprovare motivo e perdita del lavoro. In caso contrario, l'autorizzazione non potrà essere rilasciata.
  • Per la riscossione delle indennità, vogliate seguire le indicazioni della vostra cassa di disoccupazione. Trovate i moduli necessari nel box sottostante.

Guerra in Ucraina

Eventuali domande per l’autorizzazione al lavoro ridotto legate alla guerra in Ucraina dovranno essere motivate in modo plausibile, spiegando perché le perdite di lavoro previste sono dovute al conflitto (nesso causale adeguato). Un riferimento generico al conflitto in Ucraina non basta per giustificare il diritto all’indennità per lavoro ridotto. Le domande saranno trattate mediante la procedura ordinaria.

Per le perdite di lavoro computabili, riconducibili esclusivamente agli interventi militari in Ucraina e alle loro conseguenze economiche, si applicano le disposizioni abituali della LADI e dell'OADI. Il termine di preannuncio è quindi di solito di 10 giorni (cfr. art. 36 LADI) e la durata massima dell'autorizzazione è di tre mesi. Inoltre, per questo tipo di casi non è possibile applicare la regolamentazione per i lavoratori a basso reddito.

Procedura per inoltrare il preannuncio di lavoro ridotto 

Preannuncio di lavoro ridotto

"Procedura ORDINARIA"

Utilizzare questo modulo se intendete introdurre il lavoro ridotto

dal 1° settembre 2021 o data successiva

 

  Modulo online  

Sezione dedicata alle ILR
www.lavoro.swiss

FAQ - Domande frequenti
Lavoro ridotto: domande frequenti

Moduli per la riscossione delle indennità per lavoro ridotto non in relazione con la pandemia

NB: I seguenti moduli sono validi da marzo a dicembre 2022 e utilizzabili per domande di lavoro ridotto non in relazione con la pandemia, trattate mediante la procedura ordinaria.

 

Per lavoro ridotto si intende una riduzione temporanea dell’attività dell’azienda, pur mantenendo i rapporti contrattuali di lavoro.
Il lavoro ridotto generalmente è da ascrivere a motivi economici.
La perdita di lavoro deve essere presumibilmente temporanea.
Le perdite di lavoro dovute a provvedimenti ordinati dall'autorità o a circostanze indipendenti dalla volontà del datore di lavoro rientrano pure sotto la definizione di lavoro ridotto.
Ne fanno parte anche le perdite di lavoro dovute a mancanza di clientela in seguito alle condizioni meteorologiche.

Il datore di lavoro è tenuto ad annunciare, tramite l’apposito formulario “Preannuncio di lavoro ridotto” la prevista introduzione del lavoro ridotto, (è determinante il timbro postale oppure la data di inoltro del formulario online).

Se il datore di lavoro ha annunciato in ritardo l’introduzione dell’orario ridotto, la perdita di lavoro è computabile soltanto a contare dalla data del preannuncio.

CONTATTI

Ufficio giuridico
della Sezione del lavoro

Residenza governativa
6500 Bellinzona