Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Richiesta di un permesso di lavoro
notturno e/o domenicale

Per tutti i lavori eseguiti oltre il normale orario di lavoro diurno e serale (tra le ore 23.00 e le ore 06.00), la domenica e/o nei giorni festivi parificati alla domenica, è necessaria un'autorizzazione.

Procedura

  • 01

    Compilare il modulo

    Compilare il modulo "Richiesta di un permesso di lavoro notturno e/o domenicale" e al termine salvarlo in formato PDF.

    Richiesta permesso di lavoro notturno e/o domenicale
  • 02

    Allegati

    Preparare tutti gli allegati richiesti nella domanda in formato elettronico.

  • 03

    Invio della richiesta

    Inviare il modulo in PDF e gli allegati preparati in precedenza all'indirizzo dfe-uil.permessi@ti.ch

Informazioni

Competenza

L'Ufficio dell'ispettorato del lavoro è competente per il rilascio di permessi di lavoro notturni e domenicali temporanei se ne è provato l'urgente bisogno.

Lavoro notturno

Nel caso di impieghi sporadici o periodici al massimo 3 mesi oppure, carattere eccezionale, fino a 6 mesi consecutivi

art. 40 dell'Ordinanza 1 concernente la legge sul lavoro

Lavoro domenicale

Nel caso di impieghi sporadici al massimo 6 domeniche oppure, carattere eccezionale, fino a 3 mesi consecutivi.

art. 40 dell'Ordinanza 1 concernente la legge sul lavoro

Urgente bisogno

  • Sorge la necessità di eseguire lavori supplementari che non possono essere differiti e che nessuna pianificazione o misura organizzativa consente di svolgere di giorno o durante i giorni feriali.
  • Per motivi di sicurezza pubblica o di sicurezza tecnica, determinati lavori possono essere svolti solo di notte o di domenica.
  • Eventi di natura culturale, sociale o sportiva legati a condizioni e usi locali o a bisogni specifici della clientela esigono l'esecuzione di lavoro di durata limitata, durante la notte o la domenica.
  • Non rientrano nei motivi dell'urgente bisogno i lavori di inventario, presenza in centralini telefonici, manutenzioni ordinarie e consulenze telefoniche.

art. 27 dell'Ordinanza 1 concernente la legge sul lavoro