Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Alcune riflessioni per il datore di lavoro

 

    I datori di lavoro che commissionano dei lavori in nero praticano una concorrenza sleale. Spesso però passano inosservati continuando a beneficiare della fiducia dei loro colleghi e dei loro clienti. Per questo motivo la nuova legislazione in materia di lavoro nero mira a sanzionare questi datori di lavoro tramite un inasprimento delle sanzioni e la pubblicazione di una lista “nera” con i nominativi dei datori di lavoro sanzionati.

    Con la procedura di conteggio semplificata dichiarare i dipendenti è facilissimo.
    Tramite un solo annuncio presso un’unica istituzione, la cassa di compensazione AVS, il datore di lavoro versa i contributi per i dipendenti per quanto concerne l’assicurazione vecchiaia, superstiti e invalidità, le indennità di perdita di guadagno, l’assicurazione contro la disoccupazione, gli assegni familiari nell’agricoltura, l’assicuratore contro gli infortuni e le imposte alla fonte, per di più essa trasmette direttamente l’annuncio al competente assicuratore contro gli infortuni.

    Le condizioni per poter beneficiare della procedura di conteggio semplificata sono tre:

    1. Il singolo stipendio non può superare i 21’150 CHF annui (stato 2018) - minimo di cui all’art. 7 legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia, i superstiti e l’invalidità (salario coordinato).
    2. La somma totale annua dei salari dell’azienda non può superare i 56’400 CHF (stato 2018) - doppio della rendita annua massima di vecchiaia dell’AVS.
    3. Il salario di tutto il personale deve essere conteggiato con la procedura semplificata
    4. Gli obblighi in materia di conteggio e pagamento dei contributi vanno rispettati secondo le prescrizioni.