Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Apprendisti nell'Amministrazione cantonale - Azienda formatrice

Dalla fine degli anni settanta, lo Stato, sollecitato in questo compito anche dai problemi di collocamento degli apprendisti nati nel periodo del boom degli anni sessanta, ha deciso di dare avvio alla formazione di giovani attraverso il tirocinio.

Negli anni che vanno dal 1960 al 1968 il Ticino, come molte altre regioni della Confederazione, aveva denotato infatti un notevole incremento di nascite (quasi 4000 nati vivi all'anno) rispetto agli attuali 2900-3000 circa.
Questi giovani confrontati con il problema della scelta professionale, in un mercato caratterizzato dalla recessione della metà degli anni settanta (crisi petrolifera), incontravano notevoli difficoltà a trovare un posto di tirocinio. Da più parti si sollecitavano soprattutto le grandi e medie aziende ad operare uno sforzo per assumere giovani in formazione.
Lo Stato non poteva dunque sottrarsi a tale compito ed iniziava a formare apprendisti, dapprima unicamente nel settore commerciale e, in seguito, in diverse altre professioni.


A tutt'oggi l'Amministrazione cantonale ha formato oltre 540 giovani in più di 15 diverse professioni.
Chiaramente la maggior parte viene assunto nel settore amministrativo-commerciale dove finora sono stati formati quasi 370 giovani.

Contrariamente a quanto si è propensi a credere, i posti di formazione non si limitano unicamente a Bellinzona: anche in altre località periferiche dove esistono strutture appartenenti allo Stato (Lugano - Mendrisio - Camorino - Locarno - Torricella - Breganzona - ecc.) viene offerta la possibilità di seguire un tirocinio.

Al concorso pubblico indetto a tale scopo, all'inizio dell'anno, partecipano annualmente numerosi giovani di ambo i sessi che intendono seguire il tirocinio presso l'Amministrazione cantonale.
Lo Stato, nell'intento di permettere una formazione professionale ampia e polivalente, stimola i giovani a seguire anche i corsi per il conseguimento della maturità professionale (commerciale o tecnica).
Inoltre organizza regolarmente corsi complementari di formazione interna per permettere ai giovani di conoscere adeguatamente le varie strutture e le caratteristiche dell'Amministrazione cantonale e propone periodicamente momenti d'incontro che favoriscono la reciproca conoscenza e gli scambi interpersonali.

Obiettivi della formazione

  • lavorare in modo indipendente per imparare ad essere responsabili sul posto di lavoro, ad acquisire sicurezza di sé e a gestirsi in modo autonomo,
  • imparare ad apprendere in modo sistematico per crescere con le innovazioni e per acquisire flessibilità sul mercato del lavoro.

 

 

Nuovo regolamento di tirocinio

Dopo una fase di sperimentazione sostenuta anche dalla nostra Amministrazione, durata alcuni anni, la nuova formazione è stata generalizzata in tutta la Svizzera nel settembre 2003. È entrato quindi in vigore un nuovo regolamento di tirocinio.

Che cos'è la nuova formazione commerciale di base?

Con la nuova formazione gli apprendisti:

  • sono formati da subito all'autonomia e all'indipendenza
    autonomia e responsabilizzazione sono da sempre un fattore vincente dell'apprendistato di commercio: la nuova formazione prevede strumenti di formazione che incentivano ancora di più questi aspetti;
  • non sono "più" produttivi, ma lo sono"prima"
    con la nuova formazione non aumenta la produttività, ma gli apprendisti diventano produttivi prima perché conoscono a fondo il lavoro, il maestro di tirocinio deve accompagnarli molto all'inizio, ma poi acquisiscono autonomia "rubandogli" meno tempo;
  • si impegnano in azienda perché vengono costantemente valutati: ciò permette un miglioramento continuo delle loro prestazioni.
    I compiti dati in azienda agli apprendisti aumentano la loro capacità di lavorare autonomamente e vengono fatti con impegno perché sono importanti per le loro note.

Conclusa positivamente la formazione, lo Stato cerca di favorire l'inserimento dei giovani qualificati nell'ambito delle proprie strutture e considera in modo estremamente positivo il reinserimento degli ex apprendisti che hanno perfezionato le loro conoscenze attraverso soggiorni linguistici e/o altre esperienze professionali.