Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti ricorsi

Il ricorso deve essere presentato al Servizio dei Ricorsi (Consiglio di Stato) entro i termini indicati nella decisione negativa.

Di principio si a meno che l'effetto sospensivo venga tolto dall’Autorità decidente.

Si tratta di osservazioni e non sono decisioni formali, di conseguenza non sono impugnabili.

In caso di rifiuto o di revoca di un permesso, vi è la possibilità di presentare appello:

  1. in prima istanza al Consiglio di Stato,
  2. salvo nei casi dove la decisione del Consiglio di Stato è definitiva, in seconda istanza al Tribunale cantonale amministrativo e
  3. in terza istanza al Tribunale federale.

 

I giorni sono calcolati a partire dal giorno successivo all'intimazione della decisione; se l'ultimo giorno del termine scade in sabato, in domenica o in un giorno ufficialmente riconosciuto come festivo, la scadenza del termine è protratta al prossimo giorno feriale (sono riservate le norme speciali di procedura previste da altre leggi).
Inoltre i termini di ricorso non decorrono:

  • sette giorni prima e sette giorni dopo la Pasqua e il Natale;
  • dal 15 luglio al 15 agosto.

Sono escluse dalle ferie le procedure provvisionali.

In termini generali la tassa del Consiglio di Stato in ambito di stranieri si aggira attorno ai CHF 600.--.

Aiutaci a migliorare

Per noi è molto importante la vostra soddisfazione e chiediamo la vostra preziosa collaborazione rispondendo alle domande sottostanti.

Grazie!

Formulario di contatto

Formulario di contatto

Ho trovato ciò che cercavo?
captcha

I campi contrassegnati con * sono obbligatori.

I dati inseriti nel modulo di contatto sono trattati in conformità alla Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) del Cantone Ticino.
Una copia del messaggio sarà recapitata all'e-mail da voi indicato, quale conferma di spedizione. Per problemi nella compilazione del modulo scrivere a: di-webmaster@ti.ch