Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Soggiorno senza attività lucrativa


Allievi e studenti

L'allievo e lo studente che può far valere un diritto al soggiorno conformemente a quanto previsto dall'Accordo (es. ricongiungimento familiare*) beneficia degli stessi diritti di cui godono i cittadini svizzeri.

Le altre persone straniere che intendono frequentare un istituto scolastico (pubblico o privato) hanno la possibilità, a determinate condizioni, di ottenere un permesso valido limitatamente alla prevista durata degli studi e, a dipendenza del caso, prorogato di anno in anno.

Diritti e doveri


  • Obbligo di presentare la dichiarazione di ammissione rilasciata dall'istituto scolastico o dall'ateneo (per le scuole pubbliche dell'infanzia ed elementari: dichiarazione di ammissione dell'Autorità comunale; per le scuole pubbliche medie e superiori: autorizzazione del Dipartimento dell'educazione della cultura e dello sport, Divisione della scuola o Divisione della formazione professionale);
  • obbligo di disporre di mezzi finanziari sufficienti (dichiarazione della persona straniera o, se di età inferiore a 18 anni, dei genitori/tutore);
  • per i giovani stranieri minori di 18 anni è necessaria la dichiarazione dei genitori/tutore che autorizza il figlio a risiedere in Svizzera presso un familiare, una terza persona o presso l'internato di un istituto;
  • diritto al ricongiungimento familiare limitatamente alla moglie ed ai figli a carico, solo se i mezzi finanziari per il loro mantenimento vengono garantiti (dichiarazione); cfr. art. 24 cpv. 4 Allegato I ALC.
    Per i cittadini di uno Stato terzo che al momento della presentazione della domanda non risiedono in un Paese dell'UE sulla scorta di un permesso di soggiorno durevole, non sussiste un diritto ad ottenere il permesso nell'ambito del ricongiungimento familiare;
  • la domanda deve essere presentata dalla persona straniera o da chi ne fa le veci, con il modulo ufficiale, all'Ufficio della migrazione;

Allegati

  • 2 fotografie;
  • documento di legittimazione originale per la verifica della validità;
  • dichiarazione d'ammissione rilasciata dall'istituto;
  • dichiarazione relativa alla disponibilità finanziaria;
  • autorizzazione all'espatrio sottoscritta dai genitori/tutore per i minori di 18 anni.


Allievi e studenti stranieri residenti nella zona di frontiera

Agli ospiti di asili infantili, allievi e studenti che rientrano quotidianamente al proprio domicilio all'estero, non viene più rilasciata l'"Attestazione per stranieri residenti nella zona di frontiera".

Essi possono pertanto frequentare gli istituti scolastici pubblici o privati del nostro Cantone senza una specifica autorizzazione da parte dell'UM.

Gli stranieri devono tuttavia sottostare alle disposizioni comunali o cantonali in materia.

Attività accessoria


  • Gli studenti cittadini di uno Stato UE-27/AELS possono esercitare un'attività lucrativa accessoria per una durata massima di 15 ore settimanali.
    Durante le vacanze scolastiche l'attività può essere svolta a tempo pieno.
    In ogni caso, sia l'attività a tempo parziale (15 ore settimanali) sia l'attività a tempo pieno, deve essere notificata al Servizio regionale degli stranieri competente presentando la relativa domanda;
  • il medesimo principio è applicabile ai dottorandi e post-dottorandi che esercitano un'attività accessoria, indipendentemente dal fatto che tale attività sia in relazione o meno con il lavoro per la tesi di laurea e agli studenti in medicina di università straniere che desiderano effettuare un anno di studi prima del diploma (5° o 6° anno);
  • se la durata dell'attività supera le 15 ore settimanali, deve essere chiesta un'autorizzazione a scopo di lavoro.

 

Attività accessoria (cittadini croati)


  • Gli studenti iscritti ad una scuola superiore possono essere autorizzati (art. 38 OASA) a svolgere un'attività lucrativa accessoria.
    La stessa può essere autorizzata se la direzione della scuola attesta che la durata degli studi non sarà pregiudicata.
    La durata dell'attività accessoria è limitata a 15 ore settimanali.
    Se l'Istituto di insegnamento fornisce il proprio consenso, durante le vacanze scolastiche può essere autorizzato lo svolgimento di un'attività a tempo pieno.
    L'inizio dell'attività deve essere notificato presentando la relativa domanda al Servizio regionale degli stranieri competente unitamente alla documentazione necessaria;
  • gli stranieri titolari di un permesso UE/AELS ammessi in qualità di dottorandi o post-dottorandi presso un'università o una scuola universitaria svizzera non sottostanno ai contingenti nemmeno in caso di cambiamento di posto e/o professione (art. 12 cpv. 3 OLCP);
  • lo svolgimento di un apprendistato professionale è sottoposto alle condizioni previste per l'ottenimento di un permesso con attività lucrativa.