Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Attualità

Pianifica l’itinerario a seconda delle condizioni meteorologiche e nivologiche senza perdere di vista l’evoluzione delle condizioni durante la giornata.

Se la previsione meteo indica “bel tempo a sud e brutto al nord”, nelle vallate settentrionali del Ticino (Bedretto, Lucomagno, …) potrebbe nevicare, esserci nebbia oppure soffiare il vento.

Inoltre, verifica sempre la temperatura in quota poiché potrebbe calare di molto (nei bollettini invernali è indicata quella a 2’000 metri).

Ricorda:

  • Il vento abbassa notevolmente la temperatura percepita
  • Ogni 1’000 m di dislivello si verifica una variazione di circa 6°C (10° con vento)

www.meteosvizzera.ch

APP MeteoSwiss

Oltre alle carte digitali visibili dallo smartphone, porta sempre con te una versione cartacea (puoi stamparla dai siti internet “ufficiali”) da utilizzare se il telefono o il GPS non funzionano.

La copertura di rete in montagna non è sempre garantita, rispettivamente la batteria potrebbe scaricarsi.

Per la preparazione dell’escursione consulta i “libri-guida” oppure i canali professionali che descrivono bene gli itinerari e i rispettivi gradi di difficoltà.

I contenuti presenti nei social media sono soggettivi e quindi potenzialmente forvianti se non inadeguati.

Per il calcolo dei tempi di percorrenza (Scialpinismo + racchette)

60 min = + 400 m dislivello

60 min = 4 Km distanza orizzontale

www.map.geo.admin.ch (Carte topografiche)

www.svizzeramobile.ch (Carte e percorsi)

www.sac-cas.ch (Portale con descrizione degli itinerari turistici)

APP Swisstopo (Carte, percorsi e molto altro)

APP SvizzeraMobile (Carte e percorsi)

Importante strumento per chi pratica, in particolare, lo sport “fuori pista”. Contiene informazioni sulle condizioni della neve e delle valanghe nelle Alpi svizzere.

Si tratta di una previsione che descrive la situazione valanghe per una certa regione e non per i singoli pendii.

Al pericolo di valanghe viene attribuito un grado di pericolo su una scala che va da 1 a 5 (da debole a molto forte).

Scegli la regione geografica dell’escursione, leggi attentamente il testo descrittivo e osserva tutte le icone che indicano i pendii e le quote pericolose.

www.slf.ch (Istituto per lo studio della neve e delle valanghe)

APP White Risk (Bollettino valanghe e dati nivo-meteorologici)

Sono soltanto una decina (su 40) le capanne custodite durante la stagione invernale e primaverile.

Nelle strutture senza custode l’ingresso potrebbe essere impedito!

Inoltre, qualora fosse possibile accedere alla struttura, non è garantita la disponibilità di acqua, di cibo e neppure la possibilità di ricaricare lo smartphone.

È quindi meglio informarsi dal custode prima di recarsi in capanna.

www.capanneti.ch (Capanne in Ticino)

www.sac-cas.ch/huetten (Capanne in Svizzera)

Preparare l’escursione per evitare infortuni
Un buono stato di salute e una valutazione realistica delle proprie possibilità sono basilari prima di incamminarsi lungo i sentieri e i boschi. Scegliete un itinerario idoneo ed evitate le escursioni individuali poiché anche piccoli contrattempi possono trasformarsi in situazioni di grave emergenza. Comunicate il vostro itinerario e non cambiatelo. Il grado di difficoltà dei sentieri è indicato chiaramente dal colore della segnaletica in base all’esperienza richiesta: gialla per i sentieri escursionistici, gialla con punta bianco - rosso - bianco per i sentieri di montagna e blu con punta bianco - blu - bianco per i sentieri alpini. La categoria del sentiero indica sia la sua praticabilità, sia i requisiti che l’escursionista e il suo equipaggiamento devono soddisfare.

Adattare l’attrezzatura alle condizioni

Prima dell’escursione consultare il bollettino meteo per evitare il maltempo. È estremamente importante scegliere l’attrezzatura, in particolare gli scarponi, in base al percorso che si intende effettuare. Nello zaino non devono mancare indumenti per la pioggia, il freddo, protezioni dal sole, kit di primo soccorso, una cartina e un cellulare (numero di emergenza 117 o 112).

Prestare attenzione al ritmo

Le cadute sono purtroppo le cause più frequenti di infortuni in montagna. Un ritmo troppo elevato e quindi la stanchezza possono favorirle. Uscire dai sentieri è pericoloso poiché aumenta il rischio di caduta e di perdita di orientamento.

Concedersi delle pause

Senza pause adeguate che favoriscono il recupero delle forze vi esponete ai pericoli. Godete appieno del paesaggio bevendo e mangiando per mantenere sotto controllo la stanchezza ed inalterata la concentrazione.

Fare attenzione ai bambini

In caso di passaggi difficili con rischio caduta un adulto deve assistere il bambino. I sentieri esposti che richiedono concentrazione prolungata non sono adatti ai più piccoli.

In caso di infortunio

Contattare il 117 o il 112 specificando generalità, il numero del cellulare con cui si sta chiamando, la zona in cui ci si trova o meglio le coordinate con tutti i riferimenti possibili, la dinamica e infine lasciare libero il telefono.

L’impiego di cani da protezione del bestiame ha come obiettivo la sorveglianza per lo più autonoma degli animali da reddito e la loro difesa contro animali estranei.

Elenco degli alpeggi ticinesi dove si trovano questi cani:

Nome alpeggio     Regione
Alpe Vinei-Cavanna-PescioraValle Bedretto
Alpe Prüsfa  Val Camadra
Alpe Valdo   Valle Verzasca
Alpe Ruscada   Cugnasco - Valle Verzasca
Alpe Rompiago   Capriasca - Val Colla

Fresco di stampa un libretto piccolo di formato, ma grande per le informazioni e i consigli contenuti.

Un promemoria utile per tutti coloro che si recano in montagna e vogliono farlo in sicurezza.

Realizzato da Massimo Gabuzzi di www.capanneti.ch e Franca Caiocca Demarchi (Commissione Montagne sicure) in collaborazione con il progetto di prevenzione Montagne sicure.

In distribuzione nelle capanne alpine ticinesi.

Dipartimento delle istituzioni
Campagna di prevenzione Montagne sicure

Montagne sicure
c/o Direzione del Dipartimento delle istituzioni

Piazza Governo 7
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 31 29
di-montagnesicure@ti.ch

Responsabile
Sacha Gobbi

Ticino sicuro
Le campagne di prevenzione su facebook