Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Truffe dei falsi venditori (vendita giacche)


Di cosa si tratta?

L’autore avvicina la vittima affermando di conoscerlo. Una volta stabilito un contatto propone la vendita di giacche o altri capi d’abbigliamento ad un prezzo spropositato rispetto al reale valore oppure si propone di lasciare la merce in pegno, a fronte di una prestito che la vittima concede.

Come si sviluppa?

In questo caso gli autori agiscono sia singolarmente che in coppia e si presentano al domicilio delle potenziali vittime (di norma anziani), come pure avvicinano le vittime per strada affermando di conoscerle. Durante il breve colloquio carpiscono le informazioni utili per rendere credibile quella falsa conoscenza. Il pretesto è quello di vendere giacche di pelle, capi d’abbigliamento, oggetti di pelletteria ed altro rimasti invenduti durante delle fiere. In caso di rifiuto chiedono di avere un prestito lasciando in pegno, quale garanzia, alcuni capi d’abbigliamento, sostenendo che il valore della merce è superiore a quello da loro richiesto.
Convinti dagli argomenti portati dai venditori gli acquirenti pagano la merce (alcune centinaia di franchi) una cifra nettamente superiore al suo reale valore oppure prestano il denaro richiesto.
Concluso l’affare il malcapitato si ritrova fra le mani articoli di scarsissima qualità e valore per i quali ha pagato una cifra sproporzionata.

Dove si verificano?

Di norma il contatto avviene sulla pubblica via, come pure al domicilio delle vittime.

Chi sono gli autori?

Non vi è una tipologia precisa degli autori. Non agiscono necessariamente in banda e non sono particolarmente organizzati.

Perché si cade nell’inganno?

Sicuramente i buoni sentimenti inducono all’errore l’anziano, ma è anche vero che in questi casi gli autori mettono una certa pressione sulla vittima, di fatto costringendolo ad accettare l’affare.

Consigli

È importante aprire la porta a persone che si vogliono realmente fare entrare in casa. Se non si è interessati ad un acquisto, con cortesia bisogna salutare e chiudere la porta (se non addirittura congedare via citofono) venditori non graditi. Le capacità persuasive di questi individui sono estremamente pericolose e possono far cadere in errore persone che, anche in questo caso, danno un’eccessiva confidenza al prossimo.
Sentitevi liberi in qualsiasi momento di chiudere la trattativa e allontanare questi “ospiti” dalla vostra abitazione o di allontanarvi liberamente se avvicinati per strada. Avvisate tempestivamente la Polizia cantonale qualora si verificassero situazioni di questo genere per permetterci di identificare i malviventi e reagire contro questi fenomeni in maniera adeguata.