Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti ditte di sorveglianza

Le seguenti attività:

  • sorveglianza e controlli;
  • gestione del traffico e/o della circolazione stradale;
  • protezione di persone o beni;
  • trasporti securizzati di persone, beni o valori;
  • investigazione;
  • gestione di centrali d’allarme con sorveglianza audio e/o video;

svolte da persone giuridiche o persone fisiche nel Cantone Ticino, sono soggette a preventiva autorizzazione.

Soggiace all’obbligo di autorizzazione anche chi, a livello operativo, impartisce ordini o gestisce l’organizzazione di agenti che esercitano attività di sicurezza o di investigazione sottoposte ad autorizzazione.

Per i seguenti compiti non è necessaria l’autorizzazione:

  • gestione di centrali d’allarme senza sorveglianza audio e/o video;
  • servizio cassa e controllo biglietti;
  • circolazione stradale di minima importanza;
  • assistenza al pubblico o alla clientela.

Si intende prestazioni di sicurezza legate alla circolazione stradale che possono essere esercitate da persone che non dispongono di autorizzazione e più precisamente il servizio di parcheggio, attraversamento pedoni e la regolamentazione del traffico qualora venga chiusa una corsia per un breve tratto di strada e per un lasso di tempo limitato a qualche ora (massimo mezza giornata).

Nulla. Le autorizzazioni rilasciate prima dell'entrata in vigore della nuova legge, rimangono valide fino alla scadenza. In seguito dovrò richiedere una nuova  autorizzazione ai sensi della LPPS seguendo le procedure indicate su questo sito.

Devo richiedere un'autorizzazione per l'agenzia, compilando l'apposito modulo on-line ed inviarlo poi debitamente firmato, unitamente agli allegati necessari, al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata. Inoltre devo disporre di un rappresentante che sia già in possesso della relativa autorizzazione per la direzione dell’agenzia.

La durata è di norma 3 anni, ma in determinati casi possono essere rilasciate autorizzazioni di durata inferiore.

Gli agenti o gli investigatori possono lavorare per più agenzie, a patto che il relativo rappresentante responsabile provveda alla notifica dell’inizio del rapporto di lavoro.

I rappresentanti responsabili possono dirigere una sola agenzia.

No. L’autorizzazione LPPS è rilasciata a nome dell’agente. Per poter lavorare per più agenzie, il relativo rappresentante responsabile deve notificare l’inizio del rapporto di lavoro tramite l’apposito modulo disponibile su questo sito. Se invece dispongo di un’autorizzazione LAPIS rilasciata prima del 31.05.2021, posso lavorare unicamente per l’agenzia indicata sull’autorizzazione.

La formazione di base è stata suddivisa in tre livelli:

CPSicur I: agenti di sicurezza (profilo A) o investigatori (profilo B) alle dipendenze di un’agenzia;

CPSicur II: agenti di sicurezza (profilo A) o investigatori (profilo B) indipendenti;

CPSicur III: direzione di un’agenzia (rappresentanti responsabili).

Oltre alla formazione di base, sono stati introdotti dei moduli di formazione continua obbligatoria.

Maggiori informazioni sono reperibili presso l’Istituto di formazione continua, competente in materia.

No, posso inoltrare l’istanza indicando di voler svolgere entrambe le attività (sicurezza privata e investigazione). Mi saranno rilasciate due tessere di legittimazione distinte che utilizzerò a dipendenza del tipo di attività che sto svolgendo.

Il rinnovo deve essere richiesto prima della scadenza dell'autorizzazione. Bisogna prevedere un tempo adeguato per il disbrigo della pratica (al minimo 15 giorni) ed è il titolare dell'autorizzazione che deve preoccuparsi d’inoltrare l’istanza di rinnovo in tempo utile.

No, l'esercizio di attività assoggettate alla LPPS senza essere in possesso di un’autorizzazione valida non è consentito.

In caso di smarrimento o furto dovrò presentarmi in un posto di Polizia cantonale per la denuncia. Una copia di quest’ultima servirà per richiedere un duplicato al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata. In caso di danneggiamento la denuncia non è necessaria e potrò richiederne un duplicato consegnando la tessera rovinata.

No. Devono richiedere l’autorizzazione anche in Ticino, la quale verrà rilasciata ai sensi della Legge sul mercato interno (LMI).

Sì, in qualità di agente di sicurezza o investigatore indipendente posso assumere mandati anche da un’agenzia di sicurezza o investigazione e fatturare le mie prestazioni.

In qualità di agente di sicurezza o di investigazione, in civile, non sono obbligato/a a portare la tessera in maniera visibile qualora stia svolgendo attività di protezione di persone o di investigazione e raccolta di informazioni, nella misura in cui delle esigenze di servizio lo impongano.

No, devo stampare il modulo di istanza, firmarlo e inviarlo al Servizio armi, esplosivi e sicurezza privata con tutti i documenti richiesti, in originale. Tramite il modulo elettronico devo però trasmettere la mia foto formato passaporto.

Sì, come agente di sicurezza posso ottenere l’autorizzazione se dispongo del permesso di domicilio “C”.

Per i rappresentanti responsabili è richiesto un permesso “C” da almeno due anni.

In ogni caso devo disporre di tutti i requisiti di cui all’art. 14 LPPS.

Art. 4 RLPPS

 1Il rappresentante responsabile è designato dall’agenzia e deve disporre del potere di rappresentare e impegnare quest’ultima nei confronti di terze persone.

2Esso è segnatamente responsabile dei seguenti compiti:

a) assicurarsi che per le attività soggette ad autorizzazione ai sensi dell’art. 2 cpv. 1 della legge, venga impiegato unicamente personale autorizzato;

b) assicurarsi che l’abbigliamento del personale sia conforme alle prescrizioni della legge e del presente regolamento;

c) comunicare al Servizio, senza indugio, la fine del proprio rapporto lavorativo con la società rappresentata;

d) notificare al Servizio, prima dell’inizio dell’impiego, l’assunzione di personale titolare di un’autorizzazione e, entro 10 giorni dalla disdetta, la fine del rapporto lavorativo.

Art. 14 LPPS

L’autorizzazione è rifiutata a chi:

a) in ragione di una condanna per reati che denotano carattere violento o pericoloso o per crimini o delitti commessi ripetutamente, è iscritto nel casellario giudiziale,

fintanto che l’iscrizione non sia cancellata;

b) dà motivo di ritenere che potrebbe esporre a pericolo sé stesso o terzi;

c) è sotto curatela generale o è rappresentato da un mandatario designato con mandato precauzionale;

d) è fallito o si trova in stato di insolvenza comprovato da attestati di carenza beni;

e) per i suoi precedenti, non presenta sufficienti garanzie per un corretto adempimento delle sue attività.

 

Art. 18 LPPS

1Il Dipartimento revoca temporaneamente o definitivamente l’autorizzazione a chiunque:

a) non soddisfi più alle condizioni previste per il rilascio dell’autorizzazione;

b) contravviene ripetutamente o in modo grave alle norme della presente legge, del regolamento o del contratto collettivo di lavoro di obbligatorietà generale in vigore nel settore;

c) in qualità di titolare di un’autorizzazione ai sensi dell’art. 8 cpv. 1 lett. a), b) e d), non sia in regola con il pagamento delle imposte cantonali, comunali e alla fonte nonché con il pagamento degli oneri sociali AVS/AI/IPG, SUVA, LPP, indennità per perdita di guadagno in caso di malattia, pensionamento anticipato e contributi professionali

prescritti dalla legge o da specifici obblighi nell’ambito del settore economico della ditta;

d) in qualità di titolare di un’autorizzazione ai sensi dell’art. 8 cpv. 1 lett. a) e b), non applichi una comprovata parità salariale fra uomo e donna.

2Il Dipartimento può inoltre revocare l’autorizzazione all’impresa di sicurezza e/o di investigazione qualora uno o più dipendenti violino gravemente o ripetutamente le norme di legge e di regolamento applicabili.

3Il Dipartimento comunica ai terzi interessati la decisione di revoca.

Art. 28 LPPS

1È punibile con una multa di almeno 200 franchi fino ad un massimo di

20’000 franchi chiunque, intenzionalmente o per negligenza, contravviene alle norme della legge o del regolamento.

2L’importo minimo per chi esercita, senza autorizzazione, delle attività che richiedono un’autorizzazione conformemente alla presente legge è fissato a 500 franchi.

3L’importo minimo per il rappresentante responsabile che contravviene ai suoi obblighi è fissato a 2’000 franchi.