Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti locali erotici

La Polizia cantonale, su sua delega la polizia comunale, e i competenti funzionari dell’autorità cantonale (art. 20 della Legge sull’esercizio della prostituzione, di seguito LProst). Queste autorità possono in ogni momento eseguire controlli nei locali in cui si esercita o si ritiene sia esercitata la prostituzione, al fine di accertare l’identità delle persone che si trovano all’interno e verificare il rispetto della legge. 

L’autorità competente per il rilascio dell’autorizzazione di un locale erotico è Il Servizio autorizzazioni, commercio e giochi, Via Lugano 4 - 6500 Bellinzona. Chi ha intenzione di aprire e gestire un locale erotico deve inoltrare l’istanza (e la relativa documentazione) a questo Servizio mediante il formulario ufficiale.

Nel caso in cui non vengono ossequiati i requisiti di cui agli artt. 6 e 10 LProst. 

Se la documentazione prevista è consegnata in modo completo e corretto sono da calcolare 30 giorni lavorativi.

Le istanze e le relative documentazioni devono essere inoltrate parallelamente al Servizio autorizzazioni, commercio e giochi, via Lugano 4 - 6500 Bellinzona. Sia la richiesta per esercizio pubblico che la richiesta per locale erotico devono essere corredate dei rispettivi documenti in modo completo.

E’ soggetto all’autorizzazione chiunque intenda gestire e aprire un locale erotico (art. 6 cpv. 1 LProst). Ai sensi della legge è considerato locale erotico uno spazio chiuso, formato da uno o più vani costituenti un’unità, che viene destinato in modo esclusivo o assieme ad altri usi all’esercizio della prostituzione (cfr. art. 2 cpv. 2 LProst). 

Nei casi previsti dall’art. 14 cpv. 1 LProst. In questi casi è sufficiente notificare l’esercizio della prostituzione all’interno dell’appartamento alla Polizia cantonale, Sezione TESEU, mediante formulario ufficiale. 

Il rilascio dell’autorizzazione per singolo locale erotico è soggetto al prelevamento di una tassa a copertura dei costi di Fr. 350.-.

Principalmente, l’autorizzazione può essere revocata in qualsiasi momento se non sono più dati i presupposti per il rilascio (art. 12 cpv. 1 LProst).  Inoltre, la decisione di revoca viene presa anche nei seguenti casi (art. 25 LProst):

  • Se l’autorizzazione è stata rilasciata sulla base di indicazioni inveritiere;
  • In caso di grave o ripetuta violazione della legge o del regolamento;
  • In caso di mancato pagamento degli oneri sociali e delle imposte;
  • In caso di mancata trattenuta dell’imposta dovuta dalle persone che esercitano la prostituzione ai sensi dell’art. 11 cpv. 2 lett. i) e lett. j) LProst;
  • In caso di mancato versamento, entro il 1. di ogni mese, dell’imposta trattenuta all’autorità fiscale ai sensi dell’art. 11 cpv. 2 lett. i) e lett. j) LProst.

In caso di revoca, il Servizio autorizzazioni, commercio e giochi ordina la chiusura immediata del locale erotico. Inoltre, se sono state rilasciate autorizzazioni per attività accessorie e collaterali, sono revocate anch’essa se le condizioni poste dalle rispettive leggi non sono più adempiute (art. 12 cpv. 2 LProst). 

I locali erotici possono essere aperti durante gli orari fissati dalla licenza edilizia, in nessun caso prima delle 10:00 o dopo le 03:00. Il Municipio è l’autorità competente che può ridurre gli orari, previa diffida, in caso di ripetute turbative della quiete pubblica e dell’ordine pubblico, tuttavia non ad un orario che precede la 01:00 (art. 8 LProst). Gli eventuali esercizi pubblici ubicati nel locale erotico possono rimanere aperti durante gli stessi orari di attività di quest’ultimo. 

“Punto C”

qualora sia esercitata contemporaneamente un’attività accessoria, siano parimenti ossequiati i requisiti richiesti in tale ambito (ad esempio per estetista);

A dipendenza dell’attività accessoria svolta si dovrà richiedere la documentazione all’ufficio competente in materia

“Punto D”

certificato originale d’idoneità igienico - sanitaria rilasciato dall’ Ufficio Sanità

“Punto K”

certificato dei diritti civili;

tale documento è da richiedersi al Municipio del comune di domicilio.