Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Certificato internazionale

Il certificato internazionale rilasciato sulla base di un permesso di condurre svizzero, sarà limitato alle vie navigabili interne. Viene concessa la zona "acque costiere" a coloro che sono in possesso di una licenza di navigazione di altura valida, a norma dell'Ordinanza del 20.12.2006 sul certificato svizzero di capacità per condurre yacht marini, RS 747.321.71.

Osservazione:

Il certificato internazionale è valido per 10 anni. Lo stesso non è valevole come permesso di condurre nelle acque svizzere.

Procedura

  • 00

    VERIFICA REQUISITI

    Permesso di condurre
    Titolari di permessi di condurre svizzeri delle categorie A, B, C, D
  • 01

    SPEDIRE

    Puoi velocizzare le pratiche compilando i formulari e inviandoli tramite posta senza recarti presso la Sezione della circolazione.
  • 02

    ALLEGARE

    Tutti i documenti indicati devono essere allegati.
    • Permesso di condurre in originale
    • 1 fotografia recente formato passaporto
    • Richiesta scritta per l'ottenimento del certificato internazionale;
  • 03

    PAGARE

    • Certificato intenazionale Fr. 50.--.

Informazioni

Assicurazione obbligatoria

Nessun natante può essere messo in servizio o stazionare in acque aperte alla navigazione pubblica, fintanto che non sia stata stipulata un’assicurazione sulla responsabilità civile (RC).

A meno che non siamo utilizzati a scopo professionale (noleggio, trasporti professionali persone e merci), i seguenti natanti non sono sottoposti ad un’assicurazione obbligatoria:

  1. natanti non motorizzati (a remi, pedali, ecc.);
  2. gommoni con una lunghezza inferiore a 2,50 m;
  3. battelli a vela non motorizzati con una superficie velica fino a 15 mq.

Per l’immatricolazione di un natante è necessario presentare un attestato d’assicurazione, conformemente alle disposizione dell’Ordinanza sulla navigazione interna (ONI).

L’assicurazione RC deve essere stipulata presso un istituto d’assicurazione autorizzato dal Consiglio federale ad esercitare questo ramo d’attività.

Questi istituti devono avere a disposizione gli attestati d’assicurazione conformi.

L’apertura  di una scuola di vela, tavola a vela (windsurf), sci nautico od altre, necessita dell’autorizzazione della Sezione della circolazione.

L’interessato deve inoltrare una domanda scritta, indicando il luogo dello svolgimento dell’attività.

A dipendenza del tipo di scuola la nostra Sezione provvederà a informare sulla necessità di altri documenti da presentare.

L’autorizzazione verrà rilasciata dopo un attento esame, un eventuale sopralluogo da parte nostra e dai preavvisi da parte di organi ed enti interessati (polizia lacuale, ufficio caccia e pesca, società di navigazione).

Serve un’autorizzazione anche per i seguenti casi:

  • Lavori sul lago (occupazione per posa materiali);
  • Uso particolare o in zone vietate di natanti sui laghi e fiumi non ammessi alla navigazione.

Le richieste devono essere inoltrate per tempo, almeno 30 giorni prima della data scelta per l’uso o lo svolgimento.

Per  la decisione di posa o rimozione della segnaletica è competente la Sezione della circolazione (art. 4 Regolamento della legge cantonale – stato 31 marzo 1993 – 7.4.5.1.1)

Segnali ammessi comprendono:

quelli menzionati negli articoli 36 a 40 dell’Ordinanza sulla navigazione interna dell’8 novembre 1978 (ONI) e quelli riprodotti dall’allegato 4.

Quelli menzionati negli articoli 37 a 41 del Regolamento internazionale della convenzione fra la Svizzera e l’Italia per la disciplina della navigazione sul lago Maggiore e sul lago di Lugano entrata in vigore il 1. giugno 1997 (Stato 8 agosto 2000) – RS 0.747.225.1

La posa di boe e ghirlande per la delimitazione di uno stabilimento balneare sui laghi di Lugano e Maggiore.

La Sezione della circolazione, Servizio navigazione, nell'intento di meglio disciplinare la navigazione sui nostri laghi, in applicazione alle prescrizioni delle Leggi federali, alle prescrizioni cantonali, nonchè alla Convenzione e Regolamento internazionale tra Svizzera e l'Italia sul lago Maggiore e lago Ceresio, richiama l'utenza all'osservanza dei seguenti punti:

Contrassegni ufficiali

  • I contrassegni ufficiali devono essere applicati in modo ben visibile verso prua e sui 2 lati esterni dello scafo.
  • Se il natante viene messo fuori circolazione o venduto, i contrassegni ufficiali devono essere riconsegnati alla Sezione della circolazione (in modo da evitare abusi da parte di terzi).
  • Con i contrassegni ufficiali deve essere trasmessa anche la licenza di navigazione in originale per l'annullamento.

 

Documenti - Licenza di navigazione e permesso di condurre

  • Durante la navigazione i citati documenti devono trovarsi a bordo e tenuti a disposizione degli organi di sorveglianza, tale mancanza è punibile con la multa disciplinare.
  • Ogni fatto che richieda una modifica o un'aggiunta, oppure che determini la sostituzione, deve essere notificato all'autorità competente (Sezione circolazione), presentando il documento precedente entro un termine massimo di 14 giorni.

 

Permesso di condurre

Il permesso di condurre è obbligatorio:

  • per i natanti a vela con una superficie velica superiore ai 15 m2 (cat. D);
  • per i natanti con motore di una potenza propulsiva superiore a 6 kW (cat. A).

 

Ispezioni periodiche

I natanti collaudati sono sottoposti a ispezioni periodiche ad intervalli regolari. La frequenza è la seguente:

  • 2 anni per i natanti da noleggio;
  • 6 anni per i natanti non motorizzati;
  • 3 anni per i gommoni, i battelli per il trasporto di merci e altri natanti.

N.B.: In caso di dubbio sulla conformità di un battello alle disposizioni vigenti, l'autorità competente può esigere un'ispezione d'ufficio anche a breve scadenza.

Protezione delle acque

  • E'  vietato versare o immettere nelle acque sostanze la cui natura possa inquinarle o alternarne le proprietà.
  • I motori con carburante a miscela possono essere utilizzati soltanto se il carburante contiene olio in misura non superiore al 2% del volume (miscela 1:50) e se nessun prodotto di condensazione proveniente dal carter può riversarsi nell'acqua.
  • Per i motori con carburante a miscela, l'olio deve essere biodegradabile.

Zone protette

In prossimità delle Bolle di Magadino, nelle zone disegnate "A" e "B" (dall'entrata del porto di Magadino fino a metà della foce della Verzasca), é vietata la balneazione, nonché la navigazione con natanti a motore e a vela fino ad una distanza di 150m. dalla riva.
La navigazione con barche a remi  é vietata fino alla distanza di 50m dalle sponde; é inoltre vietato l'approdo in ogni caso.
E' vietato stazionare nelle zone di vegetazione acquatica (canneti, giunchi  e ninfee); di regola occorre tenere una distanza di almeno 25m.

Navigazione in prossimità delle rive

Nelle acque svizzere del Ceresio e del Verbano viene costituita la zona "rivierasca interna" della larghezza di 150m, nella quale i natanti a motore non possono navigare, a meno che vogliano approdare, partire, stazionare o attraversare passaggi stretti; queste manovre vanno eseguite seguendo la via più breve ad una velocità massima di 10 km/h.

Questa regola non si  applica:

  • ai battelli in servizio regolare che circolano secondo l'orario ufficiale;
  • ai  natanti a propulsione elettrica;
  • ai  natanti  dei pescatori professionisti  al lavoro (muniti degli appositi segnali);
  • ai  natanti  che praticano la pesca alla traina (muniti degli appositi segnali);
  • ai  natanti  senza motore.

Regole particolari

  • Le imbarcazioni da spiaggia, i canotti gonfiabili ed altri simili mezzi da svago e da bagno (che non sono soggetti all'immatricolazione), possono navigare esclusivamente in prossimità della riva, all'interno della fascia di 150m della riva stessa. In nessun caso possono essere forniti di un motore.
  • A tutti i natanti é severamente proibito avvicinarsi ai battelli in navigazione o immettersi nella scia o sulla rotta.
  • Bisogna mantenere una distanza di almeno 50m nei confronti dei battelli in servizio regolare,  dei convogli rimorchiati, come pure dalle imbarcazioni dei pescatori professionisti muniti degli appositi segnali ed una distanza di 200m dai natanti dei pescatori professionisti  quando  si incrociano da poppavia.
  • I natanti che navigano in senso opposto devono, durante le manovre d'incrocio, spostarsi sulla rispettiva destra, così da mantenere fra loro una distanza minima di 50m.

Conoscenza dei punti pericolosi

La navigazione, data la pericolosità dei luoghi, deve svolgersi con particolare cautela nei seguenti punti:

Lago Maggiore (Locarno):
Isole di Brissago
- punta sud - "scogli" ;
- tra le due isole - "basso fondale" ;

Lago Ceresio (Lugano):
Ponte di Melide (correnti e passaggi stretti)
Sotto il ponte di Melide, il passaggio dei natanti appartenenti a imprese titolari di una concessione federale avviene sotto l'arcata N. 3; quello degli altri natanti sotto le arcate N. 1 (Bissone), 2 e 4.
Al ponte di Melide la precedenza in caso di contemporaneo arrivo di due natanti, provenienti da opposte direzioni, spetta al natante che naviga verso Sud (arcata N.1).

Stretto di Lavena (correnti e passaggi stretti):
Nello stretto di Lavena la precedenza in caso di contemporaneo arrivo di due natanti, provenienti da opposte direzioni, spetta al natante diretto a Ponte Tresa.
N.B: Particolare attenzione deve essere prestata in prossimità delle foci come pure navigando sulle rotte dei battelli  in servizio regolare.

Sci  nautico

La pratica dello sci nautico deve svolgersi a 300m dalla riva.
La pratica dello sci nautico o l'impiego di attrezzature analoghe é autorizzata solo di giorno e con buona visibilità, al più presto a partire  dalle ore 08:00 e al più tardi fino alle ore 21:00.
In deroga eccezionalmente nel Lago Maggiore dalle ore 07:00 alle 21:00, nei mesi di luglio e agosto.
Il conduttore del natante deve essere accompagnato da una persona idonea (per servizio e sorveglianza).

Principali segnalazioni sulle modifiche della Convenzione Italo-Svizzera per la disciplina della  navigazione sul lago Maggiore e sul lago di Lugano (Ceresio)

  • L'equipaggiamento minimo - mezzi di salvataggio - sono validi anche nelle acque italiane, se sono conformi alla normativa nazionale vigente nel luogo d'iscrizione del natante.
    Il natante immatricolato in svizzera deve avere solo l'equipaggiamento richiesto dall'art. 132 e allegato 15 ONI (Ordinanza sulla navigazione interna).
  • Sulle acque di entrambi i laghi non é obbligatorio esporre bandiere nazionali.

 

Al di fuori degli specchi d'acqua autorizzati ufficialmente e segnalati come tali, la balneazione è vietata nella fascia situata entro i 100 m dalle entrate dei porti e dei luoghi di stazionamento dei battelli per passeggeri. Questo divieto vale anche per altre entrate di porti, se la navigazione ne risulta pregiudicata.

Modifica dell'Ordinanza sulla navigazione interna (ONI) dell' 8 novembre 1978 (Stato 01.01.2013)

Art. 131 - Principio
Cpv. 1 - I natanti devono essere equipaggiati in funzione della loro grandezza e conformemente all'uso al quale sono destinati.
Cpv. 2 - Gli oggetti dell'equipaggiamento prescritto devono sempre essere pronti all'uso e trovarsi in un luogo apposito.

Art. 134 - Mezzi di salvataggio
Cpv. 1 - Sono ritenuti mezzi di salvataggio i mezzi di salvataggio individuali o collettivi. Giubbotti di salvataggio con collo e
salvagenti anulari sono considerati mezzi di salvataggio individuali.
Cpv. 2 - I mezzi di salvataggio individuali devono avere una spinta idrostatica di almento 7,5 kg (75 Newton).
Cpv. 2bis - I giubbotti di salvataggio gonfiabili sono riconosciuti se il dispositivo di gonfiamento é azionato automaticamente o a mano.
Cpv, 4 - Per ogni persona a bordo di un natante deve essere disponibile un mezzo di salvataggio individuale o un posto in un mezzo di salvataggio collettivo.

Art. 166 - Disposizioni transitorie
Cpv. 21 - Collari di salvataggio, cuscini di salvataggio e scialuppe di salvataggio possono essere sostituiti solo con mezzi di salvataggio di cui all'art. 134
Cpv. 1. Erano da sostituire al più tardi entro il 31 dicembre 2012.

Per una migliore descrizione dei mezzi di salvataggio ammesi vedi allegato delle fotografie secondo i modelli.

Per l'equipaggiamento e mezzi di salvataggio per i natanti adibiti al trasporto professionale di persone e per i natanti adibiti al trasporto di merci bisogna informarsi all'autorità competente dell'immatricolazione.

Contatti


Telefono

Contact center
Tel.+41 91 814 97 00

Lunedi-venerdi
08.00 - 12.00
13.30 - 17.00

Orari sportelli

Servizi immatricolazioni, conducenti e contabilità
07.30 - 16.15

Ufficio giuridico,
servizio navigazione

08.00 - 11.45
13.30 - 16.00

Ufficio tecnico
07.40 - 12.00
13.20 - 17.00

Dove siamo

Sezione della circolazione
Centro ala Monda 8
6528 Camorino