Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Altre misure

L'Ufficio giuridico, in caso di seri dubbi sull'idoneità alla guida, può ordinare nuovi esami di guida, medici, psicotecnici e perizie specialistiche (art. 14 cpv. 3 LCStr, art 11b e 27 OAC). Lo stesso è inoltre competente a pronunciare il divieto di condurre veicoli per i quali non è richiesta la licenza di condurre (es. ciclisti, conducenti di veicoli a trazione animale o di conducenti di altri veicoli sprovvisti di motore; art. 19 e 21 LCStr).

Il sistema a cascata: la severità nei confronti dei recidivi

Nei confronti dei conducenti recidivi, la legge oppone sanzioni particolarmente severe. In questo senso, coloro che violano ripetutamente le norme della circolazione rendendosi autori di infrazioni di media o elevata gravità sono colpiti da misure di revoca gradualmente aggravate che, nei casi più gravi, possono culminare con la revoca definitiva della licenza di condurre. Il sistema a cascata tiene conto del fattore temporale e del grado di gravità delle infrazioni commesse (tabella esemplificativa).

La riduzione della durata della revoca della licenza di condurre

Il conducente colpito da una misura di revoca di ammonimento (supra 2.1) può chiedere la riduzione della durata della revoca se ha partecipato volontariamente ad un corso di educazione stradale riconosciuto dall'autorità. La durata minima legale della revoca non può tuttavia essere ridotta (art. 17 cpv. 1 LCStr, nota informativa sui corsi riconosciuti).
Nei casi in cui la licenza di condurre è revocata per almeno un anno essa può essere rilasciata anticipatamente a determinate condizioni se il comportamento della persona interessata dimostra che la misura amministrativa ha conseguito il suo scopo. In questi casi devono essere trascorsi almeno la durata minima legale della revoca e due terzi della durata della revoca prescritta (art. 17 cpv. 2 LCStr).

La licenza di condurre in prova soggiace ad un regime speciale di misure

La licenza di condurre acquisita la prima volta per motoveicoli (cat. A) o autoveicoli (cat. B) è rilasciata in prova per un periodo di tre anni (art. 15a cpv. 1 LCStr). Durante questo periodo il neo conducente soggiace, per quanto attiene le conseguenze di eventuali infrazioni, ad un regime speciale di sanzioni amministrative di particolare severità.
Ciò significa che se il conducente durante il periodo di prova commette un'infrazione da cui consegue la revoca della licenza, il periodo di prova viene prolungato di un anno (art. 15a cpv. 3 LCStr) e che nel caso di una seconda infrazione da revoca, la licenza di condurre in prova viene immediatamente annullata (art. 15a cpv. 4 LCStr). L'annullamento della licenza di condurre in prova comporta il rifacimento completo dell'iter di ammissione alla guida che può essere intrapreso al più presto dopo un anno dall'infrazione e soltanto sulla base di una perizia di psicologia del traffico che accerti l'idoneità alla guida (art. 15a cpv. 5 LCStr).

Le misure amministrative in materia di navigazione

Il sistema delle misure amministrative vigente in materia di navigazione non è comparabile a quello previsto in materia di circolazione stradale. Tuttavia vi si possono riconoscere l'ammonimento, la revoca di ammonimento (art. 20 e 21 LNI) e la revoca di sicurezza (art. 17 cpv. 4 e 19 LNI).

La procedura amministrativa è retta dalla Legge di procedura per le cause amministrative, dagli art. 22-24 LCStr, art. 28-46 OAC, art. 10 LACS, art. 49-54 RLACS.

Il registro dei provvedimenti amministrativi: ADMAS

Le misure amministrative sono iscritte nel registro informatizzato delle misure amministrative (ADMAS) gestito dall'Ufficio federale delle strade in collaborazione con i cantoni (art. 104b LCStr, Ordinanza concernente il registro automatizzato delle misure amministrative). La regolamentazione federale dispone precisi termini di cancellazione (art. 10 Ordinanza ADMAS).