Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Sms, selfie e app…ecco i nuovi pericoli della strada!


Ente proponente

"Strade più sicure"

Partner e collaborazioni

Polizia cantonale, Polizie comunali e Zurigo assicurazioni

Azione

Il 1° marzo 2016 il programma di prevenzione "Strade più sicure" del Dipartimento delle istituzione ha avviato un’azione di sensibilizzazione contro l’uso dei telefoni di nuova generazione durante i tragitti in automobile o con altri mezzi di trasporto che si protrarrà sino a primavera.

L’iniziativa prevede diverse misure informative e promozionali attraverso i diversi canali mediatici e tramite postazioni della Polizia cantonale e di quelle comunali direttamente sul territorio.

Sono 3'998 le persone pizzicate dalla Polizia cantonale nel 2015 con una mano al volante e l’altra al cellulare solo dalla Polizia cantonale (la seconda causa di infrazioni del codice stradale in Ticino). A queste contravvenzioni bisogna poi aggiungere quelle delle Polizie comunali. Dati in aumento negli ultimi anni che preoccupano e impongono di mantenere alta la prevenzione in ambito di sicurezza stradale e di combattere contro i nuovi pericoli della strada.

L’uso di cellulari, tablet, navigatori e altri dispositivi elettronici durante la guida distoglie infatti l’attenzione di automobilisti, motociclisti e scooteristi dalla strada e ne compromette la capacità di reazione. Distrazione e disattenzione del conducente così come tempi di reazione dilazionati sono all’origine di circa un quinto di tutti gli incidenti stradali.

Si stima infatti che il rischio di collisione sia cinque volte superiore quando si tiene il cellulare in mano e rimane comunque elevato anche utilizzando un dispositivo mani libere: in ogni istante bisogna restare concentrati sugli imprevisti della strada ed essere in grado di padroneggiare il proprio veicolo.

La campagna di sensibilizzazione si rivolge a tutte le fasce di età, ma è destinata essenzialmente ai giovani conducenti tra i 18 e i 24 anni che restano una delle categorie maggiormente coinvolti negli incidenti stradali (ca. l’11% del totale) e per i quali si può stimare un uso dello smartphone al volante in 3 casi su 4.

Scopo

Scopo primario della campagna è quello di incentivare l’uso del dispositivo mani libere nel caso in cui risulti davvero indispensabile effettuare una chiamata quando si è alla guida di un veicolo.

Si ricorda che l’impiego del cellulare alla guida é vietato anche quando lo si adopera per leggere una carta stradale, un messaggino o verificare le proprie applicazioni social. Tali regole valgono anche quando si è fermi ad un semaforo o incolonnati nel traffico. È quindi ammissibile utilizzare il telefonino solo quando il veicolo è parcheggiato.

La multa ordinaria ammonta a centro franchi ma in determinati casi si può arrivare anche a sanzioni sino a 1’000 franchi o alla pena detentiva, a seconda del grado di pericolo che l'automobilista ha creato con il suo comportamento scorretto.

Dal profilo assicurativo il programma federale “Via sicura” ha inoltre imposto degli adeguamenti alla Legge federale sulla circolazione stradale, tra cui una misura che obbliga l’assicuratore ad adattare la copertura assicurativa per colpa grave secondo le disposizione di legge. In altre parole in seguito a tali violazioni l’assicuratore ha l’obbligo di esercitare il regresso delle prestazioni.

Non da ultimo la campagna di prevenzione intende anche rendere attenti pedoni e ciclisti in merito al fatto che non è ammissibile attraversare la strada o pedalare lungo la carreggiata senza distogliere lo sguardo dallo schermo del telefonino così come estraniarsi totalmente con le cuffiette dai suoni del traffico. Anche gli utenti più vulnerabili devono evitare di commettere azioni scorrette e adattare il proprio modo di agire tenendo conto degli altri utenti della strada: in caso di incidente pure le loro azioni scorrette sono punibili.