Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

La violenza domestica

Da alcuni anni la percezione della violenza domestica è cambiata radicalmente: la famiglia non è più un territorio privato e segreto.

Al contrario, in questi anni sono caduti molti tabù e a livello legislativo sono state adottate misure per migliorare la protezione delle vittime.

La violenza domestica non è una fatalità, un circolo vizioso dal quale è difficile uscire. Non bisogna quindi esitare a chiedere aiuto.

Abbiamo visto come si parli di violenza domestica relativamente a una situazione in cui una persona esercita delle violenze fisiche, psichiche, sessuali o economiche su un'altra persona alla quale è legata da un rapporto familiare, di coppia ancora esistente o terminato da un periodo di tempo non superiore a un anno.

Si distinguono varie forme di violenza che, nella maggior parte dei casi vengono esercitate parallelamente e rappresentano un vero e proprio modello di violenza e controllo:

Violenza sessuale

La violenza sessuale è contrassegnata da comportamenti a sfondo sessuale e ogni forma di sessualità attiva e passiva imposte contro la volontà della persona, come ad esempio ogni costrizione al sesso (anche con terzi e per soldi), ogni forma di denigrazione sessuale sino allo stupro.

Violenza psicologica

La violenza psicologica consiste in comportamenti, azioni e parole che minano e mettono in pericolo l'identità e l'autostima quali ad esempio insulti, denigrazioni, controllo, minacce, isolamento, minaccia di morte o di suicidio (anche davanti a terzi), ricatti, danneggiamento di oggetti importanti, sevizie sino all'uccisione di animali domestici.

Violenza fisica

La violenza fisica si manifesta come un'aggressione corporea contro la persona con azioni quali: spintonare, colpire, schiaffeggiare, percuotere, strangolare, tirare i capelli, dare calci, ustionare, ferire con l'uso di armi contundenti e/o da fuoco, causare mutilazioni degli organi sessuali. La gravità delle lesioni può variare da ematomi, escoriazioni, ossa e denti rotti, a lesioni permanenti fino alla morte.

Violenza economica

La violenza economica sono quei comportamenti che tendono a produrre dipendenza economica o ad imporre impegni economici non voluti: controllo dello stipendio o delle entrate familiari; divieto o costrizione a lavorare; costrizione a firmare documenti o a intraprendere iniziative economiche, a volte truffaldine, contro la propria volontà.

Ogni persona può segnalare una situazione di violenza alla Polizia o alla Magistratura:

Iscrizione newsletter

Sportelli aperti
solo su appuntamento


Tenuto conto dell’attuale situazione pandemica si avvisa l’utenza che per il momento gli sportelli dei seguenti uffici sono aperti unicamente su appuntamento da fissare contattando gli uffici telefonicamente o tramite email.

Uffici dello Stato civile
Sezione della circolazione
Uffici distrettuali del registro fondiario
Ufficio del registro fondiario federale
Ufficio del registro di commercio
Autorità di prima istanza LAFE
Uffici di esecuzione
Uffici dei fallimenti
Ufficio dell’incasso e delle pene alternative


Rammentiamo la possibilità di evadere le procedure tramite i servizi online.




Sportelli aperti
solo su appuntamento

Maggiori informazioni