Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Contributi economici per la conciliabilità famiglia e lavoro/formazione

Esistono tre forme di aiuto che le famiglie residenti in Ticino possono richiedere se affidano i propri figli a nidi dell’infanzia, micro-nidi, famiglie diurne o centri extrascolastici riconosciuti dal Cantone, per motivi di conciliabilità tra impegni familiari e impegni lavorativi/formativi. I tre sussidi sono cumulabili e sono da richiedere direttamente alla struttura, che deduce il contributo dalla retta. 

Aiuto soggettivo per beneficiari API

Chi ha diritto all'aiuto soggettivo per beneficiari API?

Per avere diritto:

  • almeno un membro dell’economia domestica del minore deve essere a beneficio di un Assegno di prima infanzia (API);
  • la famiglia deve avere un comprovato bisogno di conciliabilità tra impegni familiari e impegni lavorativi o formativi (eccezioni possono venir concesse per scopi di carattere sociale riconosciuti). 

A quanto ammonta l'aiuto soggettivo per beneficiari API?

Il contributo ammonta alla totalità della retta (esclusi gli oneri supplementari come pasti, costi di trasporto ecc.), dedotti l’aiuto universale e l’aiuto per beneficiari RIPAM, fino a un rimborso massimo mensile di 800 fr.

Esempio beneficiari API con retta mensile fissa a 1'200 fr.

Retta mensile1'200 fr.
Aiuto universale− 200 fr.
Aiuto RIPAM  − 330 fr. 
Beneficiari API− 670 fr.
Pasti+ 115 fr.
Totale a carico della famiglia = 115 fr.

A partire da quando sussiste il diritto? Quando termina?

  • Il diritto all’aiuto soggettivo inizia quando viene riconosciuto il diritto all'API e termina in caso di perdita del diritto all'API.
  • La famiglia è tenuta a informare immediatamente la struttura o servizio in caso di perdita del diritto all'API. La struttura o il servizio sospenderanno il diritto all'aiuto soggettivo, recuperando eventuali aiuti indebitamente percepiti.

Come fare richiesta del contributo?

  • Il contributo è da richiedere alla struttura o al servizio e viene dedotto dall’ammontare della retta a carico dei genitori. 
  • Per beneficiarne le famiglie devono presentare alla struttura o al servizio la decisione di accoglimento dell'API.
  • La decisione che accorda il diritto al sussidio API va consegnata entro 30 giorni dal collocamento e il contributo viene conteggiato a partire dal momento in cui è stato collocato il bambino. In caso di mancato rispetto del termine di 30 giorni, il contributo viene conteggiato a partire dal mese in cui è stata consegnata la decisione. 
  • In caso di decisione successiva al collocamento, questa deve essere consegnata entro 30 giorni dalla sua emissione e il contributo viene calcolato retroattivamente sino alla data a partire dalla quale la famiglia ha diritto al sussidio API. In caso di mancato rispetto del termine di 30 giorni, il contributo viene conteggiato a partire dal mese in cui è stata consegnata la decisione.
  • I contributi percepiti in base a dati inesatti devono essere restituiti alla struttura o al servizio.

Link e approfondimenti

A chi rivolgersi

Ufficio del sostegno a enti e attività per le famiglie e i giovani
Viale Officina 6
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 71 51
fax dss_ufag.fax@ti.ch
dss-ufag@ti.ch

Divisione dell'azione sociale 
e delle famiglie

Per rendere più agevole la lettura dei contenuti del presente portale, i soggetti femminili e maschili sono stati designati con il genere maschile.

Per segnalazioni e domande riguardanti il sito:
dss-infosocialita(at)ti.ch

Viale Officina 6
6501 Bellinzona 

Direzione e segreteria generale
tel. +41 91 814 70 11
dss-dasf(at)ti.ch

Newsletter Infosocialità