Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Curatele e tutele

Con le modifiche del Codice civile il 1. gennaio 2013 è entrato in vigore il nuovo diritto di proteziont degli adulti. Le nuove disposizioni del diritto di protezione prevedono come elementi fondamentali l'autodeterminazione il rafforzamento della solidarietà familiare.

Le principali novità sono sia la possibilità di allestire un mandato precauzionale (http://www4.ti.ch/poteri/giudiziario/giustizia-civile/protezione-delladulto/mandato-precauzionale/) sia che per la protezione dei maggiorenni è previsto unicamente la figura del curatore.

Comunque per maggiori informazioni sulle vaire forme di protezione vi consigliamo di consultare la pagina della Camera di protezione http://www4.ti.ch/poteri/giudiziario/giustizia-civile/protezione-delladulto/la-protezione-delladulto/.

Chi fosse interessato ad assumere un mandato come curatore dovrà inoltrare la sua candidatura all'Autorità regioanle di protezione.

Le Autorità regionali di protezione (ARP)

L'Autorità regionale di protezione (ARP) assume la competenza in base al criterio del luogo di domicilio della persona interessata. Inizialmente l'ARP svolge l'accertamento dei fatti e poi, se è il caso, istituisce la misura di protezione più opportuna.

La designazione del rappresentante avviene con decisione scritta agli interessati e in essa sarà indicato quale misura di protezione viene applicata, gli obiettivi perseguiti, i mezzi impiegati, le responsablilità e le scadenze.

Contro le decisioni dell'ARP è data possiblità di ricorso alla Camera di protezione (http://www4.ti.ch/poteri/giudiziario/giustizia-civile/la-camera/).

 

Procedura

Le Autorità regionali di protezione (ARP) sono 16 e esercitano le loro funzioni per comprensori.
La Camera di protezione assiste e vigila l'operato delle autorità regionali di protezione.

Quando si ritiene che il sostegno di un curatore possa essere utile bisogna rivolgersi alla ARP della propria regione.

Chi fosse interessato ad assumere un mandato come tutore privato dovrà inoltrare la sua candidatura all'Autorità regionale di protezione.