Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Soggiorni temporanei

Accoglienza temporanea nelle strutture LISPI 

 L’offerta consiste nella presa in carico di persone adulte con disabilità tramite la messa a disposizione di posti per un’accoglienza temporanea presso gli Istituti che sottostanno alla LISPI, e che ha lo scopo di fungere da supporto concreto per le famiglie offrendo loro un momento di sgravio dalla funzione di famigliari curanti.  

 I criteri dell’offerta:

  • È intesa quale presa in carico diurna e notturna;

  • È delimitata temporalmente, da un minimo di 4 pernottamenti fino al massimo un mese;

  • Ogni anno si può beneficiare di due soggiorni temporanei per un massimo di 30 giorni totali per anno civile;

  • È da pianificare anticipatamente, con tre mesi di anticipo;

  • Ha regole e priorità d’ammissione definite: persone con disabilità che vivono esclusivamente al proprio domicilio, che non usufruiscono di altre offerte di sgravio ai famigliari o che frequentano unicamente strutture diurne per invalidi (laboratori protetti o  centri diurni);

  • Si rivolge a persone adulte con disabilità e a tutte le tipologie di disabilità, a eccezione delle persone che hanno bisogno di un collocamento in una casa medicalizzata;

  • Permette di coordinare ogni situazione individualmente in modo da trovare, per quanto possibile, tra la famiglia e l’Ente di accoglienza, le soluzioni più rispettose delle abitudini e dei bisogni della persona con disabilità.

L’offerta di accoglienza temporanea vuole garantire la flessibilità della presa in carico, permettendo alle strutture di accoglienza di attuare un progetto il più possibile individuale.
L’offerta LISPI di posti temporanei, nella sua peculiarità, è complementare e si affianca ad altre misure già presenti in un’ottica strategica di sostegno ai famigliari curanti.
L’esperienza di soggiorno temporaneo, come momento di sgravio della famiglia, si presenta anche come strumento educativo, un ulteriore opportunità per la persona di costruire un percorso di autonomia e di distacco progressivo, nel rispetto e nella continuità del progetto educativo e individuale.