Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Sport, cultura, tempo libero, eventi

Direttive e informazioni

Sport e tempo libero

Dopo l'apertura il 1. marzo degli impianti sportivi e per il tempo libero all’aperto, dal 19 aprile 2021 saranno nuovamente ammesse anche attività sportive al chiuso e determinate competizioni. Saranno integralmente riaperti anche i giardini zoologici e botanici.

Attività sportive

  • Gli allenamenti all'aperto e al chiuso sono consenti fino a un massimo di 15 persone (maestro incluso).
    Per bambini e giovani fino a 20 anni di età, ossia nati nel 2001 o dopo, non ci sono limiti nel numero di partecipanti.
  • Le discipline sportive con contatto fisico come judo, boxe o lotta svizzera al chiuso non sono ancora consentite per le persone con più di 20 anni. Anche il ballo di copia al chiuso non è consentito (eccezion fatta se le coppie sono formate dallo stesso nucleo familiare, vige comunque l’obbligo di indossare la mascherina).
    Questi sport possono essere praticati all'aperto indossando la mascherina e in gruppi di al massimo 15 persone. Sono permesse anche le competizioni ma in assenza di pubblico.
  • Le discipline sportive con contatto fisico sono consentite a bambini e giovani al di sotto dei 20 anni, ossia nati nel 2001 o dopo, senza limiti nel numero di partecipanti. Sono permessi allenamenti e competizioni senza presenza di pubblico.
  • Le piscine coperte possono riaprire a determinate condizioni (se 1 nuotatore ha più di 20 anni: 1 nuotatore per ogni 25m2 di superficie di acqua per un massimo di 15 persone all’interno della struttura).
  • Gli spazi interni dei centri wellness e balneari restano chiusi con eccezione degli impianti negli alberghi, riservati ai soli ospiti dell’albergo.
  • Fitness: l’allenamento con gli attrezzi all’interno delle palestre non è considerato un’attività di gruppo: ognuno si allena per conto proprio e pertanto possono essere presenti anche più di 15 persone.Tutti i presenti devono indossare una maschera e mantenere una distanza di 1,5 m. Inoltre, si applicano limitazioni di capacità. 
  • Le attività svolte nell’ambito dell’educazione fisica scolastica seguono i piani di protezione in atto.

Durante le attività sportive al chiuso vige l'obbligo di indossare la mascherina e rispettare le distanze di 1,5 metri, inoltre si applicano limitazioni nella capacità. Se l'attività non può essere praticata indossando la mascherina, sono possibili eccezioni; tuttavia ogni persona deve avere una superficie sufficiente, cioè 15 m2 per un'attività calma e statica come lo yoga e almeno 25 m2 per altri sport come la cyclette o il vogatore in un centro fitness.

Nelle attività sportive all’aperto la mascherina non è obbligatoria se possono essere rispettate le distanze. Unica eccezione: gli sport di contatto che sono permessi all'aperto unicamente con la mascherina.

Competizioni
Nel settore professionale sono consentite le competizioni sportive in presenza di pubblico sia all'aperto (con massimo 100 spettatori e 1/3 della capienza) sia al chiuso (con un massimo di 50 spettatori e 1/3 della capienza). Sia all'aperto che al chiuso vige l'obbligo di indossare la mascherina, mantenere le distanze e restare seduti.

Nel settore amatoriale sono consentite soltanto competizioni e partite senza pubblico, con un massimo di 15 persone (sia all'interno che all'esterno).

Per bambini e giovani nati nel 2001 o dopo valgono regole diverse: le competizioni sono consentite ma senza pubblico (genitori inclusi).

Settore culturale

Dal 19 aprile 2021, in aggiunta a  musei e sale di lettura di biblioteche e archivi, aprono anche cinema, teatri e sale da concerti: al chiuso il numero di spettatori è limitato a 50 e a un terzo della capienza, all'aperto a 100.

Sono nuovamente consentite altre manifestazioni quali le visite guidate nei musei o le riunioni dei membri di associazioni,sia al chiuso sia all'aperto, ma con non più di 15 persone.

Nell’ambito non professionale del settore della cultura sono consentite:

  • le attività di animazione socio-culturale per i giovani nati nel 2001 o dopo senza limiti nel numero di persone
  • le attività in luoghi chiusi in gruppi fino a 15 persone per persone nate nel 2000 o prima.
  • le attività all'aperto in gruppi fino a 15 persone per persone nate nel 2000 o prima.

Nel settore culturale professionale sono ammesse tutte le attività di artisti. Restano vietate le esibizioni di cori in presenza di pubblico.

Eventuali obblighi relativi all'uso della mascherina e al rispetto del distanziamento, dei limiti di capienza in caso di attività svolte in luoghi chiusi e dei piani di protezione sono indicati caso per caso nell'Ordinanza COVID-19 situazione particolare

Sostegno finanziario per la cultura 

Manifestazioni e eventi

Manifestazioni in presenza di pubblico: 100 persone all'aperto e 50 al chiuso
Dal 19 aprile 2021, con determinate restrizioni e a determinate condizioni, sono di nuovo consentite manifestazioni in presenza di pubblico: 100 persone all'aperto (es. partite di calcio) e 50 persone al chiuso (ad es. cinema, teatri o sale di concerto).

Altre manifestazioni pubbliche: non più di 15 persone
Altre manifestazioni come le visite guidate nei musei, eventi e incontri di associazioni o organizzazioni sono nuovamente consentite a partire dal 19 aprile 2021 nel rispetto del limite massimo di 15 persone al chiuso e all’aperto.

Assembramenti nello spazio pubblico
Restano vietati gli assembramenti con più di 15 persone.

Manifestazioni private
Dal 19 aprile 2021 il numero di persone che possono partecipare alle feste e incontri privati che hanno luogo nella cerchia famigliare o di amici e che si svolgono all'interno resta invariato a 10. Anche per gli incontri all'aperto continuano ad essere ammesse 15 persone al massimo. In questo numero sono compresi anche i bambini.

Inoltre fanno eccezione:

  • le assemblee degli organi legislativi ed esecutivi cantonali, comunali e patriziali, le assemblee inderogabili di enti di diritto pubblico e la raccolta di firme che restano ammissibili come da disposizioni federali.
  • le celebrazioni religiose, i funerali e i matrimoni religiosi (con una partecipazione limitata a 50 persone).