Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Micotossine (tossine prodotte da muffe)

Le micotossine sono delle molecole prodotte naturalmente da alcune specie di funghi parassiti che crescono e si sviluppano sulle piante in campo o nelle derrate alimentari durante lo stoccaggio. Esse causano una reazione tossica ogniqualvolta vengano ingerite dall'uomo e dagli animali provocando l'insorgenza di micotossicosi acute o croniche. Tutte le materie prime di origine vegetale sono suscettibili di contaminazione da micotossine. L'esposizione dell'uomo alle micotossine può verificarsi principalmente attraverso il consumo di alimenti di origine vegetale contaminati o l'ingestione di metaboliti contenuti in alimenti e bevande (latte e suoi derivati, carne e insaccati) derivati da animali alimentati con mangimi contaminati.

Principali micotossine

  • aflatossine B1, B2, G1, G2
    Le aflatossine B1, B2, G1, G2 sono prodotte dai funghi Aspergillus flavus (B1, B2) e A.parasiticus (B1, B2, G1 e G2) principalmente nei semi oleosi, nelle granaglie, nella frutta secca e spezie (soprattutto quelle provenienti dai paesi tropicali e subtropicali). Sono molto dannose per la salute dell'uomo: causano danni epatici, quali cirrosi, e tumori al fegato, ma possono pure generare sintomi meno importanti come vomito, anoressia, febbriciattola, ascite, edema agli arti inferiori.
  • ocratossina A
    L’ocratossina A è prodotta dai funghi Aspergillus ochraceus e da Penicillium verrucosum principalmente nei cereali, nel caffé, in certi legumi, e nel vino, anche se in alcune zone del Nord Europa il contributo di alimenti di origine animale, quali carne e sangue suino é notevole. Per la salute dell'uomo provocano danni renali, nefropatie che possono sfociare in cancro al sistema urinario e danni epatici.
  • deossinivalenolo (DON)
    Il deossinivalenolo (DON) appartiene al gruppo dei tricoteceni ed è prodotto dal fungo Fusarium graminearum principalmente in cereali, quali mais, orzo, e frumento. I maggiori effetti tossici sono nausea, vomito, diarrea, gastroenteriti, malfunzionamento del sistema ematopoietico e immunosoppressore.
  • T2
    La tossina T2 è pure un tricotecene prodotto dal fungo Fusarium sporotrichioides, una specie fungina dotata di debole attitudine parassitaria e che si sviluppa poco nei cereali di campo. A differenza del DON, questa tossina è molto meno diffusa nelle derrate alimentari e costituisce un problema solo per le granaglie umide lasciate in campo in autunno, o per le varietà invernali. Effetti tossici principali son quelli al sistema ematopoietico, epatico, renale, pancreatico, muscolare e cardiaco. I danni causati dalla T2 al tratto digestivo sono irreversibili.
  • Zearalenone
    Lo zearalenone è prodotto principalmente da alcune specie di Fusarium, quale F.graminearum, F. culmorum e F. crookwellense. Le condizioni ambientali che favoriscono la produzione di zearalenone sono simili a quelle che favoriscono la sintesi del DON, per questa ragione lo zearalenone si trova negli stessi campioni contaminati dal DON, in particolare frumento e mais. Questa tossina causa disturbi dei livelli di estrogeno, uterotropico e fitoestrogeno.
  • Fumonisine
    Le fumonisine costituiscono un gruppo di metaboliti tossici di recente scoperta e caratterizzazione, prodotto da funghi del genere Fusarium, in particolare dalla specie F.verticilloides e F. proliferatum. Si trovano più frequentemente nel mais, e in alimenti e mangimi a base di mais, in ogni parte nel mondo. Tra le fumonisine identificate come contaminanti naturali del mais la FB1 è la più abbondante seguita dai tipi FB2 e FB3. Nell'uomo possono generare tumori all'esofago e sono pertanto classificate come cancerogene.