Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Preavvisi LC in materia di LEAR

Come previsto dall’articolo 7 della Legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (Lear) del 1° giugno 2010, i Municipi sono competenti, nell’ambito della procedura di rilascio della licenza edilizia, per l’esame degli aspetti strutturali degli esercizi. Per quanto attiene l’idoneità dei locali dove si svolgono attività con derrate alimentari è obbligatorio  vincolante il preavviso del Laboratorio cantonale.

Ai sensi dell’articolo 56 RLear, l’attestazione dell’idoneità dei locali rilasciata dal Municipio ha durata illimitata. In caso di cambiamenti strutturali suscettibili di modificare la capacità ricettiva e la funzionalità della struttura, il Municipio è tenuto a rilasciare una nuova attestazione di idoneità (articolo 58 RLear), previa richiesta del preavviso del Laboratorio cantonale (articolo 7 Lear).

La procedura da seguire per l’ottenimento del preavviso del Laboratorio cantonale è la seguente:

Caso 1: rilascio dell’attestazione di idoneità dei locali nell’ambito di una licenza edilizia secondo la procedura ordinaria (domanda di costruzione)
Il Laboratorio cantonale accede al programma “Gestione informatizzata delle procedure edilizie” e viene chiamato ad esprimere il suo preavviso dall’Ufficio domande di costruzione secondo i principi della Legge sul coordinamento delle procedure.
Ottenuta la licenza edilizia, il Municipio può rilasciare l’attestazione di idoneità dei locali facendo riferimento al preavviso del Laboratorio cantonale inserito nell’Avviso cantonale.

Caso 2: rilascio dell’attestazione di idoneità dei locali nell’ambito di una notifica di costruzione per cambiamenti strutturali
Il Municipio deve richiedere il preavviso al Laboratorio cantonale (attenzione: per quanto ci concerne rientrano in questo caso anche semplici richieste di modifica della capacità ricettiva senza interventi strutturali).
Ottenuta la licenza edilizia, il Municipio può rilasciare l’attestazione di idoneità dei locali facendo riferimento al preavviso del Laboratorio cantonale.

In entrambi i casi la richiesta del preavviso del Laboratorio cantonale deve essere corredata dalle seguenti informazioni:

  • definizione esatta del tipo di esercizio secondo il Capitolo quinto del Regolamento della legge sugli esercizi alberghieri e sulla ristorazione (RLear)
  • piano 1:50 (o 1:100 se sufficientemente dettagliato) indicante le dimensioni di tutti i locali dove verranno gestite derrate alimentari (p.es. cucina, bar, ecc.), l'ubicazione dei lavandini, l'ubicazione dei locali accessori alla cucina (economato, locale per il materiale di pulizia, magazzino, office, celle di refrigerazione o di congelamento, ecc.), nonché l'ubicazione dei locali destinati al personale addetto alla preparazione delle derrate alimentari (servizi igienici e spogliatoi)
  • il numero di posti previsto (interni ed esterni) e (ad eccezione degli esercizi di tipo Caffè, Bar, Pub, Mescita, ai quali si applica l’art. 37 RLear) il calcolo della superficie della cucina ai sensi dell'articolo 36 RLear.

La tipologia di esercizio e il numero di posti indicati nel preavviso del Laboratorio cantonale sono vincolanti; modifiche – anche senza cambiamenti strutturali – rappresentano una variante che necessita di un nuovo preavviso.