Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Febbre Chikungunya

La febbre Chikungunya è una malattia virale trasmessa dalla puntura di zanzare (in particolare del genere Aedes). Le zanzare del genere Aedes pungono di giorno. Questi insetti si adattano molto bene alle zone abitate, dove possono riprodursi in piccole raccolte d'acqua (recipienti, pneumatici, pozzanghere). Di conseguenza, nei periodi piovosi aumentano i casi di trasmissione del virus Chikungunya. La malattia non è trasmissibile da uomo a uomo.

Sintomi

I sintomi si manifestano generalmente da 3 a 7 giorni dopo la puntura di una zanzara infetta, sotto forma di febbre alta, forti dolori articolari e muscolari, mal di testa, a cui talvolta si accompagna un'eruzione cutanea. Di norma la malattia non è pericolosa, ma in una minoranza dei pazienti possono persistere stanchezza e dolori articolari debilitanti per settimane o mesi. La febbre Chikungunya può avere un decorso più grave nei neonati, nelle persone anziane e nei malati cronici. Attualmente non esiste alcun trattamento specifico contro il virus della febbre Chikungunya. La terapia è di tipo sintomatico, vale a dire che i disturbi possono essere soltanto attenuati con farmaci che abbassano la febbre e analgesici.

Epidemiologia

Epidemie di Chikungunya scoppiano regolarmente in Africa (Sub-Sahara), nel Sud-Est asiatico, nel subcontinente indiano e nelle isole dell'Oceano Indiano, dopo intervalli di anni senza manifestazione della malattia. Nel 2005 sull'isola della Réunion si sono ammalate 266'000 persone, ossia un terzo della popolazione. Nel 2006, un'epidemia in India ha colpito più di 1,25 milioni di persone. Nel 2007 si è verificato anche il primo scoppio epidemico di Chikungunya in Europa, più precisamente in Italia, dove si sono ammalate alcune persone. In Svizzera finora è stato registrato solo qualche caso isolato in viaggiatori rientrati dalle regioni a rischio.

Prevenzione

Chi si reca in Paesi in cui è in corso un'epidemia di Chikungunya corre il rischio di infettarsi. Non esistono vaccini né medicamenti specifici. La prevenzione dell'infezione consiste nella protezione dalle punture di zanzare, con abbigliamento coprente, spray antizanzare e zanzariera.

Per ulteriori informazioni sulla diffusione mondiale e sulla prevenzione della malattia, rivolgersi al proprio medico di famiglia o a uno specialista di medicina tropicale, e consultare il sito http://www.safetravel.ch.