Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Frontiere invisibili

Lo spazio: un termine che se associato con le distese siderali è sinonimo di grandezza, addirittura di infinita e sconfinata grandezza.
Con i piedi ben saldamente posati sul nostro pianeta invece lo spazio diventa un'area delimitata da confini.
Nel nostro approccio alla conoscenza dello spazio, che vuole essere prettamente di tipo ecologico e non certo filosofico o culturale, vogliamo sensibilizzare l'allievo all'esistenza di limiti che solcano il nostro territorio che è anche paesaggio: le frontiere, quelle visibili ma anche quelle invisibili che ogni giorno calpestiamo a nostra insaputa.

A. Attività sul terreno: frontiere invisibili alle Bolle di Magadino

Nella zona golenale delle Bolle avremo l'occasione di poter evidenziare diversi tipi di frontiere.
L'osservazione diretta ci permetterà di notare la presenza di limiti del paesaggio naturale (siepi naturali, per esempio) e confini imposti dalle attività umane (argini artificiali dei fiume, per esempio). Ma un'analisi più approfondita dei suolo e delle componenti faunistiche e floristiche ci riserverà delle sorprese: i confini che appaiono chiarì ai nostri occhi in realtà non corrispondono alle frontiere naturali che potenzialmente esistono sotto i nostri piedi. Al termine dell'attività potremo ridisegnare il paesaggio tenendo conto di questo nuovo punto di vista.

MaterialeAttività
materiale per disegnare e prendere appunti, guide naturalisticheosservazione e disegno del paesaggio
necessario per la cattura di invertebrati viventi, la loro determinazione e la successiva rapida liberazionecattura e raccolta di fauna e flora
materiale per scavare un profilo di suoloscavo e studio di profili di suolo


B. Attività nella Sede scolastica: simulazione della dinamica di una zona golenale

In classe vogliamo ricreare con un semplice piano inclinato le condizioni di una zona golenale, con particolare riferimento alle Bolle ed al suo delta.
Ricostruendo con semplici materiali e con l'ausilio di una flusso d'acqua artificiale (secchiello o tubo per innaffiare), variando vari parametri, vogliamo simulare quanto avviene in natura.
Potremo osservare il deposito o l'erosione di materiale che determinano, in natura, le frontiere dei paesaggio naturale.
Con una semplice manipolazione, ricostruendo dighe e argini, potremo pure testare l'impatto dell'uomo sugli equilibri naturali.

MaterialeAttività
materiale per disegnare e prendere appuntidisegno
pannello in legno da cantiere, sassi, sabbia, pasta per modellare, teli di plasticacreazione di modellini di fiume
simulazioni "idrauliche"