Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Aiuti finanziari per installazione riscaldamento a legna

Assieme alle iniziative volontarie promosse da SvizzeraEnergia, alla diffusione di nuovi standard edilizi e all'applicazione delle prescrizioni per il risparmio energetico occorre promuovere l'impiego delle fonti energetiche rinnovabili.

Queste ultime ben si prestano a soddisfare il ridotto fabbisogno energetico dei nuovi edifici e di quelli risanati in base allo stato della tecnica.

Le tecnologie per lo sfruttamento delle energie rinnovabili sono ormai conosciute e affidabili.

Sempre più privati ed Enti pubblici valutano l’installazione o la sostituzione di un impianto a olio con un riscaldamento a legna, considerato che l’investimento è agevolato dai sussidi cantonali e che i costi della materia prima non sottostanno agli influssi politici ed economici del petrolio che attualmente ha toccato prezzi da record.

Nel 2002 il Gran Consiglio ha approvato un credito quadro (CQ1) di 4,88 mio. di fr. per il periodo 2002 - 2005, credito che si è esaurito in pochi mesi.

Il Consiglio di Stato e il Gran Consiglio, visto il successo e gli effetti positivi del primo credito quadro, intendono continuare nella promozione dell’energia del legno.

Per questa ragione il potere legislativo, su proposta dell’Esecutivo, ha approvato un ulteriore credito quadro (CQ2) di 1,2 mio. di fr. per gli anni 2006 - 2009 (concluso) volto a versare contributi a chi decide di installare un riscaldamento a legna di media-grande potenza (sopra i 70 kW) che utilizza cippato (trucioli) come combustibile.

Seguendo le indicazioni del Dipartimento federale DATEC, la priorità é ora data alle centrali teletermiche di grande potenza e agli impianti che abbattono le polveri fini nei gas combusti con l’installazione di specifici filtri.

Un nuovo credito quadro (CQ3) di 5 mio di fr. per gli anni 2007 - 2010 prevede contributi finanziari a impianti a legna con potenza superiore a 200 kW e con minimo 3 edifici collegati.

Grazie al nuovo Messaggio del Consiglio di Stato che definiva le misure di sostegno all’occupazione e all’economia per il periodo 2009-2011, a favore della promozione di impianti a legna di grande potenza sono stati aggiunti altri 2 mio di fr. supplementari.

Quest’ultimo credito è stato annullato nell'ottobre 2011 e sostituito dal nuovo credito a favore dell’efficienza energetica e per lo sfruttamento delle energie rinnovabili per il periodo 2011-2015.

Il Decreto esecutivo è dotato di un credito complessivo di 30.5 mio. di franchi:

  • a favore dell’efficienza energetica (14.5 mio. di fr.);
  • a favore delle energie rinnovabili (12 mio. di fr);
  • a favore della distribuzione dell’energia (3 mio. di fr);
  • a favore della sensibilizzazione e la politica energetica nei comuni (1 mio. di fr).

I riscaldamenti sono dunque nuovamente sussidiati in proporzione alla superficie riscaldata e alla sua rete di teleriscaldamento.


Cosa fare
Leggere attentamente le condizioni del Decreto esecutivo.

Se l'impianto previsto adempie ai requisiti contenuti nelle direttive il richiedente può compilare e inoltrare i moduli per la richiesta di aiuti finanziari per l'installazione di un teleriscaldamento a legna:

  • Ufficio dell’aria, del clima e delle energie rinnovabili (UACER)
    Via Franco Zorzi 13
    6501 Bellinzona

Informazioni e requisiti
Le domande di sussidio sono da inoltrare all’ufficio competente con sufficiente anticipo prima dell'inizio dei lavori.

In ogni caso prima dell'inizio dei lavori deve essere confermato il contributo di promozione.


Documentazione necessaria

  • Modulo generale, modulo 5 e/o modulo 9;
  • piano della situazione (copia del catasto);
  • piano dell’edificio corredato da un calcolo che attesti l’effettiva AE (Area Energetica) servita dall’impianto;
  • relazione tecnica e preventivo della fornitura e installazione dell’impianto previsto;
  • calcolo del fabbisogno di energia termica;
  • 70% dei precontratti di fornitura di energia;
  • certificato conformità alle normative EU.

Tempo di disbrigo delle pratiche

Circa 1 mese

 


Costo delle prestazioni

Nessuno

 


A chi rivolgersi

Sezione forestale (SF)
Via Franco Zorzi 13
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 28 51
fax +41 91 814 28 59

Modulo di contatto

Ufficio dell'aria, del clima e delle energie rinnovabili (UACER)
Via Franco Zorzi 13
6501 Bellinzona

tel. +41 91 814 29 44
fax +41 91 814 29 79

Modulo di contatto

Basi legali