Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Proposte di modifiche del Piano direttore in applicazione ai disposti della Legge federale sulla pianificazione del territorio

Con la votazione del 3 marzo 2013 popolo e Cantoni hanno approvato alcune modifiche della Legge federale sulla pianificazione del territorio (LPT) volte a contenere l’estensione degli insediamenti, a migliorare la qualità del tessuto insediativo, del paesaggio e a favorire un’edificazione più concentrata, secondo i principi dello sviluppo centripeto.

Le modifiche della LPT, entrate in vigore il 1° maggio 2014, rappresentano una svolta nella politica di sviluppo territoriale. La popolazione, votandole, ha espresso una chiara volontà: quella di una crescita qualitativa e non unicamente quantitativa.

Il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla Legge richiede azioni ben programmate a tutti i livelli: cantonale, regionale e comunale. Gli enti pubblici sono chiamati ad assumere un ruolo attivo nella gestione delle zone edificabili, nell’offerta di spazi liberi e verdi, nel sostegno a progetti urbanistici di qualità e, più in generale, nel garantire un territorio equilibrato in termini sociali, economici e ambientali. L’attuazione della LPT è un compito che coinvolge tutta la popolazione e richiede una stretta collaborazione tra enti pubblici e privati.

Dal 19 giugno al 19 ottobre il Consiglio di Stato mette in pubblica consultazione le proposte di modifiche del Piano direttore cantonale volte ad applicare i principi e gli obiettivi della LPT.

Nel periodo di consultazione, ogni persona fisica o giuridica, i comuni e gli altri enti interessati possono presentare osservazioni o proposte al Dipartimento del Territorio, Sezione dello sviluppo territoriale, 6500 Bellinzona.

Il 23 giugno 2017 si è svolta al Politecnico federale di Zurigo una giornata di studio sullo sviluppo insediativo centripeto destinato in particolare agli amministratori locali (municipali e consiglieri comunali), nonché agli uffici tecnici, ai funzionari comunali e cantonali e in generale a coloro che si occupano di gestione del territorio.

Obiettivo della giornata era spiegare cosa è lo sviluppo insediativo centripeto e come promuoverlo sulla scorta di casi concreti realizzati nei Comuni di Marly (FR), Manno (TI) e Romanshorn (TG), presentati attraverso tre video. Si tratta in particolare della trasformazione e destinazione a nuovi usi di quartieri dismessi (Video: Marly - Reconnaître les potentiels grâce à ses idées), della valorizzazione degli spazi e delle infrastrutture pubbliche nei nuclei storici come premessa per una nuova attrattività residenziale (Video: Manno - Impulsi per rivitalizzare nuclei storici), e dell’impostazione di una visione strategica a lungo termine dell’evoluzione insediativa di un Comune (Video: Romanshorn - Eine Strategie für die Hafenstadt).

I partecipanti alla giornata di studio hanno approfondito inoltre i seguenti temi legati allo sviluppo insediativo centripeto: la strategia comunale di sviluppo insediativo (workshop 1), l’adattamento del Piano regolatore (workshop 2), la gestione attiva delle zone edificabili e dei progetti da parte delle autorità comunali (workshop 3), lo sviluppo e la valorizzazione insediativa dei nuclei storici (workshop 4), le risposte pianificatorie, urbanistiche e architettoniche all’invecchiamento della popolazione (workshop 5), le cooperative d’abitazione e altre forme di abitazioni a prezzi accessibili (workshop 6).

I partecipanti hanno sottolineato i benefici di un ruolo pro-attivo da parte delle autorità comunali, in particolare attraverso la determinazione di chiari obiettivi di sviluppo insediativo, per governare e non subire le trasformazioni del territorio.
Tutta la documentazione della giornata di studio – in forma di presentazioni in power point e video – è reperibile al seguente indirizzo: Tagung Innenentwicklung Schweiz | 23. Juni 2017 | ETH Zürich.

Il 21 e il 27 settembre 2017 si sono svolti al Dipartimento del territorio due pomeriggi informativi destinati ai municipali, ai consiglieri comunali, ai responsabili degli Uffici tecnici, nonché a tutti coloro che sono attivi sul fronte della pianificazione e della gestione del territorio a scala comunale.

In tali occasioni il Direttore del Dipartimento del territorio, Onorevole Claudio Zali, ha precisato gli indirizzi politici delle proposte di modifiche del Piano direttore in applicazione dei disposti della LPT, e il capo della Sezione dello sviluppo territoriale, Paolo Poggiati, ha presentato le modifiche focalizzando i temi principali per gli enti locali.