Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Il Grosso: una rarità di Bellinzona

Una preziosa acquisizione del Monetario cantonale in mostra fino al 4 gennaio 2019
nella Biblioteca cantonale di Bellinzona

Nell'anno europeo del patrimonio culturale 2018 il Cantone Ticino ha acquistato una moneta, unica, coniata nella Zecca rinascimentale di Bellinzona: il Grosso, emesso a nome dei cantoni di Uri, Svitto e Untervaldo.

La Zecca di Bellinzona è stata attiva per poco più di un ventennio, dal 1503 al 1529, e ha battuto monete per i tre cantoni. Le monete raccontano un pezzo di storia del borgo agli inizi del Cinquecento, periodo in cui Bellinzona era contesa dai Confederati, dagli Sforza duchi di Milano e addirittura dai Re di Francia.

Nel Monetario di proprietà del Cantone Ticino si trova la collezione pubblica più importante, a livello svizzero e internazionale, di monete battute dalla Zecca di Bellinzona.