Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

La mappa archeologica

Il Servizio Archeologia svolge un importante ruolo di archiviazione per la documentazione storica e recente dei ritrovamenti archeologici.

La documentazione è di tipo cartaceo, bibliografico e fotografico.

Negli archivi del Servizio sono infatti presenti tutti i rilievi, le planimetrie e i disegni eseguiti nei decenni durante le fasi di scavo in diversi cantieri, la documentazione fotografica su diversi supporti analogici e digitali nonché i diari di scavo e le descrizioni dei diversi rinvenimenti.

I rapporti delle analisi dendrocronologiche e di varie tipologie di analisi specifiche (radiocarbonio, termoluminescenza, palinologia, …) eseguite in laboratori scientifici sono ugualmente conservati in questa sede.

Il lavoro di catalogazione sistematica e su supporto informatico e la sintesi del materiale cartaceo pubblicato ed inedito - iniziati nel 1997 e volti a creare la Mappa archeologica del Cantone Ticino informatizzata - sono utili non solo per lo svolgimento delle attività di ricerca all’interno del Servizio archeologico cantonale, ma anche per l’utenza esterna e per gli altri Servizi dipartimentali.

Uno di questi ambiti è quello relativo alla pianificazione territoriale. Infatti, sia in occasione della procedura delle domande di costruzione che durante le verifiche regolari dei Piani regolatori, i dati finora raccolti hanno permesso di salvaguardare e valorizzare zone di interesse archeologico, di riportare alla luce reperti archeologici nel caso di nuove edificazioni o di indagare edifici di origine medievale nell’ambito di modifiche a costruzioni esistenti.

Nella procedura per l’ottenimento di una licenza edilizia, il Servizio Archeologia viene consultato dall’Ufficio domande di costruzione, qualora sia coinvolto nel progetto in questione.

In qualità di servizio cantonale competente emana il suo preavviso nei confronti della domanda di costruzione in questione.

Il progetto Mappa archeologica del Cantone Ticino è sostenuto dal DECS tramite l'Aiuto federale per la lingua e la cultura italiana.