Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Domande frequenti


Voto per corrispondenza nelle elezioni e votazioni

Sì, è possibile votare per corrispondenza per le votazioni federali, cantonali e comunali. Fanno eccezione a questa disposizione i ticinesi all’estero (coloro  che hanno la cittadinanza cantonale con domicilio all’estero ed iscrizione nel catalogo elettorale). La legge li esclude infatti dal voto per corrispondenza per le votazioni e per le elezioni comunali. I ticinesi all’estero possono tuttavia esercitare il diritto di voto recandosi di persona all’ufficio elettorale.

Dal 1° gennaio 2011 è in vigore il voto per corrispondenza per le elezioni federali.

Dal 1° gennaio 2015 il voto per corrispondenza è esteso anche per le elezioni cantonali e comunali.

Riceve al domicilio la busta di trasmissione con la dicitura “Materiale di voto” che contiene

  • la carta di legittimazione di voto
  • la scheda di voto ufficiale
  • la busta per  riporre la scheda votata con la dicitura “Votazione federale – Busta ufficiale voto per corrispondenza” e/o Votazione cantonale – Busta ufficiale voto per corrispondenza” e/o Votazione comunale  – Busta ufficiale voto per corrispondenza”
  • le spiegazioni del Consiglio federale rispettivamente e l’opuscolo informativo.

Riceve al domicilio la busta di trasmissione con la dicitura “Materiale di voto” che include

  • la carta di legittimazione di voto
  • la scheda di voto ufficiale (Consiglio degli Stati, Consiglio di Stato e Municipio)
  • la scheda di voto ufficiale  (Consiglio nazionale, Gran Consiglio e Consiglio comunale)
  • la busta per  riporre la scheda votata per l’elezione del Consiglio degli Stati con la dicitura “Elezione del Consiglio degli Stati – Busta ufficiale voto per corrispondenza”;  per l’elezione del Consiglio di Stato con la dicitura “Elezione del Consiglio di Stato – Busta ufficiale voto per corrispondenza” ; per l’elezione del Municipio con la dicitura “Elezione del Municipio  – Busta ufficiale voto per corrispondenza”
  • la busta per  riporre la scheda votata per l’elezione del Consiglio nazionale con la dicitura “Elezione del Consiglio nazionale – Busta ufficiale voto per corrispondenza” ; per l’elezione del Gran Consiglio con la dicitura “Elezione del Gran Consiglio – Busta ufficiale voto per corrispondenza”; per l’elezione del Consiglio comunale con la dicitura “Elezione del Consiglio comunale – Busta ufficiale voto per corrispondenza”
  • la guida elettorale federale
  • le istruzioni di voto con l’elenco candidati.

La medesima busta di trasmissione con la dicitura “Materiale di voto ufficiale” serve anche per esercitare il voto per corrispondenza.  Seguire le istruzioni sul retro, sul fronte della busta e le indicazioni nella carta di legittimazione di voto. Attenzione a non tagliare e cestinare la busta!

A partire dal giorno in cui si riceve il materiale di voto.

L’elettore deve

  • compilare le schede di proprio pugno
  • introdurre le schede votate nell’apposite buste (Attenzione: verificare di aver inserito la scheda votata nella busta corretta!)
  • riempire la carta di legittimazione di voto e firmarla di proprio pugno in originale, senza ritagliarla
  • inserire nella busta di trasmissione ricevuta dal Comune le buste con le schede votate
  • immettere correttamente nella busta di trasmissione la carta di legittimazione di voto firmata in originale nel senso indicato dalle frecce.

Avvertenza importante

Prima di sigillare la busta verificare che l’indirizzo di ritorno (Cancelleria comunale) sia ben visibile nella finestra della busta di trasmissione.

L’elettore può inviare la busta di trasmissione

  • per il tramite del servizio postale (con affrancatura Posta A)
  • per gli elettori del Comune di Lugano l’affrancatura Posta A è indicata sulla carta di legittimazione di voto (l’elettore non deve affrancarla)
  • imbucandola nella bucalettere posta dinnanzi alla Cancelleria comunale o nei quartieri (senza affrancatura)
  • consegnandola a mano alla Cancelleria comunale (senza affrancatura).

La legge non lo consente. In caso contrario la scheda è nulla.

L’elettore deve usare la medesima busta di trasmissione (colore grigio a finestra) ricevuta dalla Cancelleria comunale per inviare il materiale votato.

Le buste servono per infilare le schede votate e non per essere spedite per il tramite del servizio postale o consegnate a mano o imbucate nella buca lettere comunale.

Sì. E’ un documento basilare per la registrazione del votante per corrispondenza nell’elenco votanti e per verificare se la medesima persona non abbia esercitato il diritto di voto anche all’ufficio elettorale.

Sì. Deve essere compilata con la data di nascita completa. In caso contrario la scheda è nulla.

Le schede votate devono giungere entro le ore 12.00 della domenica dell’elezione o votazione per essere considerate ai fini dello spoglio.

Con l’estensione del voto per corrispondenza per le elezioni cantonali e comunali, la distribuzione delle schede facsimile è stata soppressa. La fornitura sarà possibile unicamente per i Partiti ma dietro loro richiesta e con rimborso dei costi.