Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Presentazione delle candidature

Nell'elezione dei Giudici di pace e dei Giudici di pace supplenti è prescritta la presentazione della proposta di candidatura.

Le proposte di candidatura devono essere depositate a mano, in un esemplare originale, entro le ore 18.00 di lunedì 19 novembre 2018, alla Cancelleria dello Stato, Servizio dei diritti politici, Palazzo delle Orsoline, Piano terreno, Sala Monte Generoso, 6500 Bellinzona.

Il candidato non può firmare la proposta sulla quale esso è designato (divieto di autoproposta), nè quelle di altre proposte.

Il candidato deve essere designato unicamente con cognome, nome, data completa di nascita (giorno, mese e anno) e Comune del domicilio politico. È facoltativa l'aggiunta dell'indcazione del gruppo proponente.

Le proposte di candidatura depositate non possono più essere completate o modificate (riservate le eccezioni stabilite dalla legge).

Alla proposta di candidatura, sottoscritta da almeno 30 proponenti (cittadini attivi domiciliati nel Circolo) devono essere allegati i seguenti documenti originali:

  • la proposta di candidatura firmata dal candidato (la firma vale quale dichirazione di accettazione del candidato);
  • l'estratto del casellario giudiziale in originale (validità 6 mesi precedenti la data dell'elezione ovvero il 10 agosto 2018);

Nella presentazione delle proposte di candidatura occorre considerare che:

  • in ciascuna proposta può figurare un solo candidato;
  • nella medesima elezione il candidato non può figurare quale proponente della propria o di altre liste, né figurare quale candidato su più proposte;
  • il medesimo elettore non può figurare quale proponente di più candidature;
  • il cittadino ticinese all'estero può candidarsi purché abbia ossequiato la procedura di iscrizione prevista dalla legislazione federale (immatricolazione presso una rappresentanza svizzera e iscrizione nel catalogo elettorale);
  • è eleggibile ogni cittadino svizzero e cittadino ticinese all'estero di diciotto anni compiuti (domenica 10 febbraio 2019); la persona eletta non domiciliata nel Cantone deve prendervi domicilio entro tre mesi dalla proclamazione degli eletti; il mancato rispetto del termine comporta le decadenza dalla carica;
  • le cariche di Giudice di pace e di Giudice di pace supplente sono incompatibili con quelle di membro del Consiglio di Stato, del Gran Consiglio, del Consiglio degli Stati, del Consiglio nazionale e di un Municipio, nonché con un'altra carica di magistrato dell'ordine giudiziario cantonale e federale;
  • il cittadino condannato alla pena detentiva o alla pena pecuniaria per crimini o delitti contrari alla dignità della carica non è eleggibile.

Se un candidato è designato su due o più proposte alle quali ha dato la sua adesione o figura quale candidato su una lista e risulta contemporaneamente firmatario di un'altra, la candidatura rispettivamente la proposta sono stralciate da tutte le liste.

All'atto di deposito delle proposte di candidatura, oltre alla lista dei proponenti compilata a mano, deve essere trasmessa la medesima lista redatta con il computer con i dati del candidato e dei proponenti utilizzando i modelli pubblicati nel sito www.ti.ch/dirittipolitici alla sezione "Aree specifiche/Giudici di pace" o nel sito www.ti.ch/elezionigiudicature alla sezione "candidature/modelli" (leggere attentamente le istruzioni prima di compilare i moduli), prestando attenzione affinché:

  • la lista stampata corrisponda esattamente alla lista originale;
  • la lista stampata sia trasmessa anche in formato elettronico (formato excel) all'indirizzo di posta elettronica: can-dirittipolitici(at)ti.ch.

Avvertenze

Raccomandiamo di concordare con la Cancelleria dello Stato, Servizio dei diritti politici (tel. 091 814 32 26 oppure per posta elettronica can-dirittipolitici(at)ti.ch), il giorno e l'orario per la consegna delle proposte di candidatura.

Per ogni proposta viene rilasciata una dichiarazione scritta attestante l'ora, la data, e il numero progressivo del deposito.

Casellario giudiziale

L'estratto del casellario giudiziale costituisce un requisito di validità della candidatura. Dev'essere depositato in originale e rilasciato dall'autorità federale al più presto il 10 agosto 2018 (6 mesi precedenti la data dell'elezione).

Per l’ottenimento del casellario giudiziale si rimanda al sito internet della Confederazione.

L’estratto del casellario giudiziale può essere presentato alla Cancelleria dello Stato in forma elettronica. In tal caso dev'essere munito della firma digitale e inviato all’indirizzo di posta elettronica can-casellario(at)ti.ch.

La mancata presentazione dell'estratto del casellario giudiziale comporta lo stralcio della candidatura se lo stesso  non viene presentato nel termine di tre giorni fissato dal Consiglio di Stato per rimediare a semplici vizi formali.

La Cancelleria dello Stato pubblicherà nel Foglio ufficiale, al più tardi quattro settimane prima la data dell’elezione, l’elenco dei candidati riportando ciò che risulta nell’estratto del casellario giudiziale.

Cauzione

E’ dovuta una cauzione in contanti di:

  • fr. 500.-- per l'elezione dei Giudici di pace;
  • fr. 500.-- per l'elezione dei Giudici di pace supplenti.

Rappresentante dei proponenti

I proponenti devono designare un loro rappresentante autorizzato ad agire e firmare in loro nome, a ricevere validamente le comunicazioni ufficiali, riservate le eccezioni stabilite dalla legge. In mancanza di tale designazione si ritiene quale rappresentante il primo proponente.

La facoltà di ritirare, con il consenso del candidato, la proposta per permettere l'elezione tacita può essere delegata al rappresentante, autorizzandolo espressamente nella proposta di candidatura.

Rinuncia alla candidatura

Ogni candidato può dichiarare al Consiglio di Stato per iscritto entro le ore 18.00 di giovedì 22 novembre 2018 che rinuncia alla sua candidatura. La dichiarazione di rinuncia alla candidatura deve essere presentata a mano alla Cancelleria dello Stato. In tal caso il nome è stralciato d'ufficio dalla proposta. La rinuncia alla candidatura non dà diritto alla sostituzione e non deve essere sottoscritta dai proponenti.

Ritiro della proposta

I proponenti o il loro rappresentante a ciò espressamente autorizzato, con il consenso dei candidati, possono dichiarare per iscritto di ritirare la proposta unicamente per permettere l’elezione tacita entro le ore 18.00 di lunedì 26 novembre 2018.
La dichiarazione di ritiro della proposta per consentire l'elezione tacita deve essere presentata a mano alla Cancelleria dello Stato, Servizio dei diritti politici, Palazzo delle Orsoline, Piano terreno, Ufficio n. 33, 6500 Bellinzona.