Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Su di noi scrivono:

23 documento/i trovato/i nel catalogo

GIORNALE DEL POPOLO, 06.03.12

PUBBLICATO UN NUOVO VOLUME

Il federalismo com'è e come sarà

Il federalismo è un tema oggi più che mai al centro del dibattito politico. L'eco suscitata dalla terza conferenza nazionale, organizzata a Mendrisio il 26 e il 27 maggio dello scorso anno, lo ha dimostrato.

LA REGIONE, 06.03.12 Scapozza Chiara

Pubblicate le analisi della Conferenza nazionale

Federalismo alla prova dei fatti

Il federalismo svizzero, datato 1848, è oggi ancora adeguato? E lo sarà anche nelle sfide future? Quesiti e riflessioni che sono stati al centro della terza Conferenza nazionale sul federalismo svoltasi a maggio del 2011 a Mendrisio e che ora può contare su di una pregevole pubblicazione in cui sono riportati gli interventi e sintetizzati i dibattiti.

LE TEMPS, 28.10.11 Mahon Pascal

Comment rétablir l'équilibre au Conseil des Etats

Chaque canton a droit à deux sénateurs au Conseil des Etats, ce qui constitue une profonde inégalité au vu de l'évolution démographique: le vote d'un Uranais vaut aujourd'hui plus de 33 fois celui d'un Zurichois. Il faut changer les règles du jeu, sans bousculer l'esprit des institutions

CORRIERE DEL TICINO, 18.06.11 Ratti Remigio

L'OPINIONE

UN TICINO URBANO E APERTO MA ANCHE DIVISO E LOCALISTA

«Ticino, unique, différent et ail­leurs»: così si è espresso il profes­sor Martin Schuler (geografo del­l'EPFL) a conclu­sione della sua «analisi dei muta­menti spaziali del­la Svizzera dal 1848 ad oggi», con la quale si era aper­ta, il 26 maggio scorso a Mendrisio, la terza Conferenza nazionale sul federa­lismo. La territorialità dell'Elvezia di questo primo scorcio del XXI secolo si lascerebbe caratterizzare da due aree metropolitane sempre più emergenti (Zurigo e l'Arco lemanico) attorniate da una grande periferia urbanizzata. Il Ti­cino ne esce come un caso particolare. Le tre qualifiche non sono né casuali né indifferenti, anche per il contesto na­zionale.

CORRIERE DEL TICINO, 14.06.11 Allenbach Beat

L'OPINIONE

VANTAGGI E OMBRE DEL FEDERALISMO

Siamo fortunati di poter vivere in un paese nato, in sostanza, dal fede­ralismo, che grazie anche alla demo­crazia diretta, per­mette a noi cittadi­ni in molti casi di­re la nostra e deci­dere su argomenti che spesso ci toccano da vicino. Le vo­tazioni di domenica 5 giugno ne sono un bell'esempio. Diversi aspetti del federalismo sono sta­ti oggetto della terza Conferenza na­zionale sul federalismo a Mendrisio, qualche settimana fa, con la parteci­pazione di consiglieri federali, consi­glieri di Stato, parlamentari, professo­ri, rappresentati dell'economia, sem­plici cittadini e giornalisti.

LA REGIONE, 28.05.11 Bernasconi Edy

A Mendrisio si è parlato non solo di collaborazioni intercantonali ma anche di fusioni tra Cantoni

Un federalismo al passo con i tempi

Il federalismo ha un futuro anche se le nuove dinamiche territoriali impongono degli adeguamenti allo scopo di rivitalizzare un modello istituzionale che ha fatto le fortune della Svizzera. Il nostro Paese non può rinunciare alla struttura federalista perché è quella che ha permesso e consente tuttora di cementare la coesione tra entità regionali, realtà economicosociali e culturali diverse fra loro. È questo il messaggio uscito dalla Conferenza nazionale svoltasi a Mendrisio tra giovedì e ieri. Confederazione, Cantoni e Comuni devono «continuare a camminare assieme» perché tutti hanno un ruolo da svolgere per mantenere e rafforzare la solidità della Svizzera. Lo ha sostenuto la consigliera federale Simonetta Sommaruga citando alcuni esempi come quello della politica dell'integrazione e, di tutta attualità, il futuro energetico del Paese.

NEUE ZUERCHER ZEITUNG, 28.05.11 Jankovsky Peter

Dritte Nationale Föderalismuskonferenz stand unter dem Motto «Territoriale Herausforderungen»

Die Zugpferde der Nation verlangen mehr Zuwendung

Die Schweiz spaltet sich in Agglomerationen und Randgebiete. Zugleich fühlen sich die Städte vom Bund kaum angehört. Das schafft Konfliktpotenzial.

CORRIERE DEL TICINO, 28.05.11 MA.BO.

Con la presenza dei big della politica federale chiusa la conferenza nazionale

Mendrisio Federalismo è coesione

La seconda e ultima giornata del­la conferenza nazionale sul federa­lismo, tenutasi ieri all'Accademia di Mendrisio, ha visto la partecipazio­ne della consigliera federale Simo­netta Sommaruga. Nel suo saluto iniziale ha voluto commentare la re­cente decisione del Consiglio fede­rale sull'abbandono dell'energia nu­cleare definendola un «primo pas­so», aggiungendo che «ci sarà mol­to lavoro da fare nei prossimi anni. Senza un federalismo funzionante non sarà possibile abbandonare il nucleare. I Cantoni giocheranno un ruolo centrale in questo». Addentrandosi in seguito nel tema della conferenza ha parlato anche del Ticino osservando come sia «profondamente mutato sotto la spinta di una crescente mobilità» e ha definito questa la «causa prima­ria delle sfide territoriali che il fede­ralismo si trova ad affrontare».

GIORNALE DEL POPOLO, 28.05.11 Cortesi Linda

COLLOQUI A Mendrisio 350 esponenti di politica, economia e scienza

Federalismo? Una sfida che ci unisce

Il federalismo è vivo più che mai. Con tenacia e sicurezza il concetto è stato ribadito durante i due giorni della Terza Conferenza nazionale sul Federalismo tenutasi a Mendrisio ieri e giovedì. Proprio ieri una tavola rotonda ha riunito esponenti di spicco dei partiti nazionali e la Consigliera federale Simonettta Sommaruga attorno al tema del significato del Consiglio degli Stati e del coordinamento (e competitività) tra Cantoni.

GIORNALE DEL POPOLO, 28.05.11 Pedrazzini Luigi

federalismo

TUTTI PER UNO, UNO PER TUTTI

Non è facile fare la sintesi della terza conferenza nazionale sul federalismo, che ha avuto luogo giovedì e venerdì a Mendrisio. Le relazioni, così come l'attività dei gruppi di lavoro, hanno toccato numerose tematiche, legate più o meno direttamente alla questione federalista.

Risultati 1 - 10 di 23