Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

La prima volta

Fare l'amore per la prima volta rappresenta un'esperienza importante e significativa per la storia personale.

Il contatto dei corpi, l'accarezzarsi, baciarsi dona emozioni che sono ancora più profonde se si vive un rapporto sessuale nel quale condividere un momento d'intensa intimità con il partner. Per alcune persone è un momento delicato da preparare con cura, per altre è qualcosa da fare, che "succede", senza pensarci troppo. In ogni caso per tutti è meglio farlo solo per libera scelta senza lasciarsi condizionare da pressioni esterne o dalla paura del giudizio degli altri.

I ritmi del vissuto sessuale, l'eccitazione, l'essere pronto alla penetrazione, si differenziano tra maschi e femmine. Il piacere è legato alla capacità di capire e tener conto, sia dei propri bisogni, sia dei bisogni dell'altra persona. Il piacere è collegato a ciò che in quel momento si desidera e si sceglie di fare.

Iniziare ad avere rapporti sessuali significa assumersi responsabilità nei confronti di se stessi e dell'altra persona. È necessario decidere quale contraccettivo usare per evitare una gravidanza indesiderata, affrontare il tema dell'HIV/Aids e quello delle infezioni sessualmente trasmissibili. Molti scelgono di usare il preservativo che protegge da questi rischi, è facile da usare e sicuro.

Età

La legge vieta i rapporti sessuali con persone che hanno meno di 16 anni se tra le due persone vi è una differenza di età superiore ai tre anni.

Non esiste un'età entro la quale si deve aver avuto il primo rapporto sessuale. Ogni persona ha i suoi tempi.
Se ti sembra che sia troppo presto allora è vero, non è ancora il momento giusto per farlo!

Dall'ultima ricerca effettuata in Svizzera e in Ticino sulla sessualità dei giovani è emerso che circa il 60% delle persone ha il primo rapporto tra i 16 e i 18 anni.

Il primo rapporto è sovente desiderato, immaginato, sognato e non sempre nella realtà corrisponde a quanto ci saremmo aspettati. Ascoltare le proprie emozioni, sensazioni, sentimenti e il desiderio fisico e di intimità può aiutare a vivere "le prime volte" in modo più sereno e pronto e a non drammatizzare se questo vissuto ci ha in parte deluso. Essere se stessi con le proprie idee e le convinzioni e prendersi il tempo che serve è importante. Non dimenticare che la mente e le emozioni aiutano a sapere ciò che davvero si vuole.

A volte (soprattutto le ragazze) si è troppo critici nei confronti del proprio aspetto fisico e si ha paura di non essere abbastanza carino/a o di non piacerle/gli.
Ogni persona vorrebbe essere perfetta e non è mai facile accettare i propri limiti e i propri difetti.
Imparare ad amare il proprio corpo, anche se non corrisponde ai modelli estetici che sono proposti, permette di sviluppare un più sereno rapporto con il/la partner.

Il desiderio può essere accompagnato da paure, disagio, ansia.

Per diminuire il disagio e l'ansia è sufficiente prendersi il tempo necessario per rilassarsi e stare bene con lui, lei. Possono essere necessari vari incontri ricchi di piacevoli preliminari, scoperte e carezze reciproche per imparare a provare e riconoscere il proprio e il suo desiderio sessuale. Non ci si deve affrettare! Sono tutti momenti molto belli anche se si sceglie di non avere la penetrazione.

Per far sì che il rapporto sessuale con penetrazione sia piacevole e soddisfacente, gli organi sessuali femminili devono poter rispondere allo stimolo del desiderio sessuale. Per la ragazza è importante che la vagina si lubrifichi e che inizi a dilatarsi. Finché questo non avviene vuol dire che il desiderio e la relativa risposta sessuale non sono ancora sufficienti.

Alcune ragazze cercano di adeguarsi al desiderio del partner anche se questo vuol dire che esse provano meno piacere; sono convinte che questo sia un bel modo per dare piacere al proprio partner.
Nulla di più falso, quando si fa l'amore il piacere è legato anche alla condivisione del piacere stesso, il dare e ricevere; quindi fare qualcosa solo per lui in realtà vuol dire offrirgli meno piacere!

Con le prime penetrazioni avviene la rottura dell'imene (per quelle ragazze che vivono il primo rapporto con un imene intatto), questa rottura può causare perdite di sangue e, a volte, un po' di dolore. 
Alcune ragazze raccontano di aver provato molto dolore, spesso ciò non è dovuto alla rottura dell'imene, ma al fatto che gli organi genitali non erano pronti.

Alcune ricorrono all'uso o abuso di alcol o ad altre sostanze per inibire le emozioni negative; spesso questo toglie anche la capacità di essere davvero libere di fare quello che ci si sente.

I ragazzi a volte confondono l'eccitazione con il desiderio e si pensa che la loro sessualità sia piuttosto riferita alla stimolazione dei genitali piuttosto che a sensazioni, emozioni. L'attitudine dei ragazzi e delle ragazze oggi è simile anche per quanto riguarda la sessualità. Alcuni ragazzi sono attratti dalle circostanze, dai messaggi seduttivi espressi esplicitamente dalla ragazza. Pure i ragazzi possono avere difficoltà nell'esprimere i loro sentimenti, paura di non essere corrisposti, di innamorarsi, di essere lasciati, eccetera.

Alcuni accettano di avere un rapporto, anche se sanno che non è ancora il momento giusto; questa decisione, a volte, può diminuire l'intensità del piacere.

Alcuni ragazzi ricorrono al consumo di sostanze perché sono convinti che così facendo possano migliorare le loro prestazioni. Anche se molte sostanze danno l'illusione, soprattutto a corto termine, di togliere ansie e paure, bisogna ricordare che sovente, a medio e lungo termine, diminuiscono il desiderio sessuale e le capacità di erezione.

as.infogiovani@ti.ch

Lo sapevi che...

www.ti.ch/infogiovani è consultabile anche da tablet e smartphone.

Newsletter