Vai al contenuto principale Vai alla ricerca

Confrontarsi con la propria omosessualità

Confrontarsi con la propria omosessualità è sovente non facile da vivere. Il pensiero va immediatamente alla connotazione, in qualche modo negativa, che è ancora presente nell'insieme della società. Accettare e dichiarare la propria omosessualità o bisessualità è comunemente definito processo di coming out. Si tratta di un processo, di scoperte e rivelazioni su se stessi, se stesse, che permettono di riconoscersi in quanto omosessuale e di accettarsi.

Per molti la scoperta di essere attratti da persone dello stesso sesso avviene all'inizio della pubertà, tra gli 11 e i 15 anni, ed è spesso caratterizzata da sofferenza e da sentimenti di isolamento come ad esempio sentirsi soli, socialmente diversi, avere paure e pensieri che non si possono raccontare, sentirsi depressi, eccetera.

Questa constatazione è solitamente seguita da un periodo di grande confusione con sentimenti ambivalenti nei confronti dell'omosessualità. Può essere difficile dirsi sono gay o sono lesbica. Spesso si vorrebbe parlarne con i propri genitori, ma si tace a causa della paura del giudizio, del dolore che si suppone essa possa arrecare loro; paure che spesso si rivelano infondate. La prima reazione di uno o di entrambi i genitori può essere di rifiuto o di banalizzazione. Sovente, se la relazione familiare è positiva e improntata sul dialogo e la fiducia, i genitori sono i primi ad accettare i propri figli.

Anche se la tentazione per molti è quella di isolarsi, è invece importante riuscire a confidarsi e parlarne con qualcuno di fiducia, per condividere le paure e i dubbi, per conoscere, per non sentirsi soli.

Gradualmente inizia il processo di accettazione, aumenta il bisogno di conoscere e capire meglio se stessi.     
Man mano che si consolida la coscienza di sé e del proprio orientamento sessuale s'intensificano i contatti con il mondo omosessuale e s'instaura la capacità di dichiarare la propria omosessualità.

Solitamente a questo punto la sofferenza diminuisce e sono meno presenti, a volte completamente superati, sentimenti di solitudine e di lontananza dagli altri.

as.infogiovani@ti.ch

Lo sapevi che...

www.ti.ch/infogiovani è consultabile anche da tablet e smartphone.

Newsletter